FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Terremoto, Ingv: il suolo si è abbassato di 70 cm | Protezione civile: assistiamo 15mila persone

Emergenza sfollati, lʼUe rassicura: "Pronti ad aiutare lʼItalia"

Dopo il sisma di magnitudo 6.5 avvenuto vicino a Norcia, l'Ingv ha registrato oltre 700 scosse: quelle con magnitudo compresa tra 4-5 sono state finora 18. Secondo i primi rilevamenti, il suolo si sarebbe abbassato di 70 centimetri. Intanto la prima notte del dopo terremoto è trascorsa in auto o nelle strutture di accoglienza per migliaia di persone di Umbria, Marche e Lazio: 15mila quelle assistite dalla protezione civile.

Terremoto, la zona rossa di Norcia

Il dato è estrapolato dai tecnici dell'Istituto di Geofisica e Vulacanologia dalle prime immagini inviate dai satelliti. "Sono dati preliminari - fa sapere l'Ingv -. L'elaborazione delle immagini è in corso, ma possiamo già dire che in alcune zone, come Castelluccio, l'abbassamento arriva fino a 70 centimetri".

UE RIBADISCE: "PRONTI AD AIUTARE L'ITALIA" - "L'Ue resta pienamente pronta ad aiutare la popolazione e le autorità italiane" nuovamente colpite dal terremoto. Lo ha ribadito il portavoce della Commissione europea Margaritis Schinas dopo che già domenica parole simili erano arrivate dal Commissario europeo per gli Aiuti umanitari e la gestione delle crisi Christos Stylianidis.

PROTEZIONE CIVILE: 15MILA LE PERSONE ASSISTITE - Prosegue intanto il lavoro della protezione civile e degli altri soccorritori impegnati sul campo. Sono oltre quindicimila le persone assistite in seguito al terremoto che domenica mattina ha colpito il territorio dell'Italia centrale già interessato dalle scosse del 24 agosto e del 26 ottobre.

Terremoto, notte sulle brandine per gli sfollati di Fabriano

Le persone sfollate dopo il sisma che ha colpito il Centro Italia hanno passato la notte su brandine e lettini da spiaggia all'interno dei campi sportivi di Fabriano, dove sono stati accolti dalla protezione civile.

leggi tutto

MIBACT: PER L'ARTE SERVONO FONDI E PERSONE - "Servono fondi e persone in più per risanare l'arte ferita dal terremoto". Lo ha detto il segretario generale del Mibact, Antonia Pasqua Recchia, aggiungendo: "La scossa di domenica ha azzerato quasi tutte le messe in sicurezza. Ricostruiremo tutto". Le prossime operazioni saranno "la verifica dei danni, il recupero dei beni mobili, la messa in sicurezza dei beni immobili e la protezione delle macerie che per noi sono beni culturali", ha precisato.

SI AMPLIA LA MAPPA DEI DANNI - E in provincia di Ancona stanno arrivando centinaia di richieste ai vigili del fuoco per verificare dissesti statici a seguito della violentissima scossa di domenica. La mappa dei danni si sta ampliando, interessando non solo l'Ascolano e il Maceratese, dove interi paesi sono stati rasi al suolo, ma anche il Fermano, già colpito dalle scosse del 24 agosto e del 26 ottobre, e ora l'Anconetano, in particolare Fabriano, dove si concentra il maggior numero di interventi, Jesi, Senigallia, Osimo, Arcevia, ma anche il capoluogo, dove diversi palazzi sono transennati per distacchi e piccoli crolli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali