FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, tratta di essere umani: arrestati la "maman" e il suo compagno

La polizia di Catania ha anche scoperto un video su Facebook dove lʼuomo ostenta la sua ricchezza lanciando soldi mentre cammina travestito da re

Una coppia di nigeriani, Queen Enaye, di 38 anni, e Collins Omorgbe, di 31, è stata fermata a Trento dalla polizia di Catania con l'accusa di aver "comprato" e costretto a prostituirsi alcune nigeriane, anche minorenni, arrivate in Italia su barconi. In un video postato su Fb dallo stesso Omorgbe si vede l'uomo, vestito rosso, cappello in testa e scettro in mano, ostentare la sua ricchezza lanciando soldi mentre cammina tra gli invitati ad una festa.

La donna e il convivente, per la Procura di Catania, sarebbero il 'terminale' a Trento di "un gruppo di trafficanti legati da rapporti di parentela, dislocati tra la Nigeria e l'Italia, dedito al reclutamento, al trasferimento in Italia di giovanissime connazionali al fine di destinarle al meretricio".

Le indagini della Squadra mobile di Catania erano state avviate dopo lo sbarco, l'11 ottobre 2017, di 134 migranti nel porto etneo. Tra loro tre nigeriane minorenni che erano state "comprate" da Queen Enaye, la "maman", e che, sotto la minaccia di riti Ju Ju e del più temuto Aielallà, erano state convinte a "riscattare" la propria liberazione versandole 30mila euro ciascuna. Soldi che avrebbero guadagnato praticando, sotto costrizione, la prostituzione.

Per la prima volta vittima della "tratta" risulta essere anche un giovane fatto arrivare per circa 6mila euro in Italia dalla coppia per avviarlo all'accattonaggio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali