FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Piombino, violenta lite di coppia: donna uccide il compagno con una coltellata allʼaddome

Lʼuomo è morto in ospedale in seguito a una grave emorragia. La compagna è in stato di arresto. Il movente è economico

Una donna ha ucciso il compagno a Piombino, pare nel corso di una violenta lite, nella casa in cui vive la coppia. L'omicidio è avvenuto alle prime ore di venerdì. Lei avrebbe afferrato un coltello e colpito l'uomo all'addome. Portato in ospedale è morto in seguito ad una grave emorragia. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. La donna è in stato di arresto.

Piombino, lite di coppia finisce nel sangue: un morto

La lite - I due, Beatrice Paini, 44 anni, e Fabrizio Gratta, 49 anni, avrebbero trascorso la serata fuori casa, bevendo probabilmente qualche bicchiere di troppo. Una volta rientrati nella loro abitazione vicino alla frazione Fiorentina di Piombino, avrebbero poi continuato a consumare alcool. Intorno alle tre di notte, sarebbe scoppiata una lite, presto degenerata. E' stata la donna a chiamare il 118 dopo aver sferrato una coltellata nell'addome al compagno.

Il movente - Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il movente dell'omicidio sarebbe economico. Il violento litigio sarebbe nato infatti da una discussione riguardo il pagamento dell'assegno di mantenimento che Gratta mensilmente deve versare all'ex moglie. La Paini e il compagno erano legati sentimentalmente da due anni,

Il decesso e l'arresto - Inizialmente la ferita non le sarebbe sembrata grave, dato che, secondo quanto riferito, non usciva molto sangue. In ospedale, tuttavia, i soccorsi sono stati vani: la lama ha inflitto lesioni mortali ad alcuni organi e provocato un'emorragia interna fatale. L'uomo è deceduto a poche ore dal ricovero. La comapagna è stata arrestata dai carabinieri ed è ora detenuta nel carcere Don Bosco di Pisa con l'accusa di omicidio pronunciata dalla procura di Livorno.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali