FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Terrorismo, arrestato a Torino militante dellʼIsis: progettava attacchi con camion

In manette un italo-marocchino 23enne, era alla ricerca di "lupi solitari". Perquisizioni in tutta Italia, coinvolti anche alcuni italiani

Un 23enne italo-marocchino, Elmahdi Halili, "ideologo" dell'Isis e autore del primo testo di propaganda dell'estremismo islamico in italiano, è stato arrestato a Torino nell'ambito di un'operazione antiterrorismo scattata in varie città, da Milano a Napoli. L'uomo, che stava progettando attacchi con camion, cercava "lupi solitari". Al momento dell'arresto Halili ha gridato: "Tiranni! Vado in prigione a testa alta".

"Siamo intervenuti senza indugio. Abbiamo dovuto agire immediatamente per eliminare questa minaccia: Halili poteva compiere delitti", ha detto il questore di Torino, Francesco Messina. "C'è stata un'escalation nel suo percorso. È passato dall'auto indottrinamento al cercare e contattare soggetti, 'lupi solitari', che potessero compiere azioni terroristiche e stava anche studiando come usare il coltello e come preparare un camion per eventuali attentati". Il 23enne avrebbe incontrato italiani convertiti, ghanesi, marocchini, spesso già noti alle forze dell'ordine.

Creò un social con i messaggi del portavoce dell'Isis - L'accusa nei confronti di Halili è di "partecipazione all'associazione terroristica dello Stato Islamico". Gli investigatori hanno accertato che, quando il 30 agosto 2016 il capo della propaganda e portavoce dell'Isis Abu Mohammed Al Adnani fu ucciso ad Aleppo, il 23enne creò una piattaforma social dove pubblicò tre diverse playlist con i messaggi più famosi del braccio destro di Al Baghdadi, compreso quello in cui dava l'ordine ai lupi solitari presenti in Europa di scatenare la campagna di terrore che ha portato alle stragi del 2015.

Fu arrestato per terrorismo nel 2015 - Il giovane era già finito al centro di un'inchiesta della Procura di Brescia e della Digos che lo avevano bloccato nel marzo del 2015 dopo aver pubblicato in Rete un manuale islamico. Halili patteggiò una condanna a due anni di reclusione, con sospensione condizionale della pena, per istigazione a delinquere con finalità di terrorismo. Le verifiche successive hanno consentito agli inquirenti di accertare che il giovane, proprio dopo aver subito la condanna, ha accelerato il suo percorso di radicalizzazione, intensificando l'attività di proselitismo ed indottrinamento. Sequestrato diverso materiale, sia di propaganda sia inneggiante al jihad: filmati dei combattenti in Siria e Iraq, video delle esecuzioni di civili e militari, le rivendicazioni degli attentati di Parigi e Bruxelles.

Coinvolti anche italiani convertiti all'Islam - Nell'ambito dell'indagine sono stati emessi anche 13 decreti di perquisizione a Milano, Napoli, Modena, Bergamo e Reggio Emilia. Nell'inchiesta sono coinvolti anche alcuni italiani convertiti all'Islam, oltre a cittadini di origine straniera: l'accusa ipotizzata è di aver svolto una campagna di radicalizzazione e proselitismo sul web.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali