FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Svolta processo Cucchi, Ilaria: "Il muro è stato abbattuto, ora ci chiedano scusa"

La sorella dopo le ammissioni del carabiniere in Corte dʼassise: "A nove anni dalla terribile fine di mio fratello, la verità è entrata in unʼaula di giustizia"

"Adesso che il muro è stato abbattuto, ci chiedano scusa". Così Ilaria Cucchi si sfoga su Facebook, dopo la svolta improvvisa del processo sulla morte del fratello Stefano: in Corte d'assise, davanti ai magistrati uno dei carabinieri imputati, Francesco Tedesco, ha infatti ammesso che il giovane venne pestato da due colleghi.

"Il muro è stato abbattuto" - "Processo Cucchi. Udienza odierna ore 11.21. Il muro è stato abbattuto. Ora sappiamo e saranno in tanti a dover chiedere scusa a Stefano e alla famiglia Cucchi". Queste le parole che Ilaria pubblica su Facebook a pochi istanti dalla rivelazione del carabiniere in aula, a nove anni dalla morte di Stefano, avvenuta il 22 ottobre del 2009.

"E adesso ci chiedano scusa" - Poco dopo, la sorella del giovane interviene di nuovo e scrive sul suo profilo social: "Ci chieda scusa chi ci ha offesi in tutti questi anni. Ci chieda scusa chi ha affermato che Stefano è morto di suo, che era caduto. Ci chieda scusa chi ci ha denunciato. Sto leggendo con le lacrime agli occhi quello che hanno fatto a mio fratello. Non so dire altro. Chi ha fatto carriera politica offendendoci si deve vergognare. Lo Stato deve chiederci scusa. Deve chiedere scusa alla famiglia Cucchi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali