FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rifiutata dai genitori perché malata, bimba battezzata in ospedale a Trapani

La bimba non era stata accettata dai genitori a causa della sua grave patologia genetica

Rifiutata dai genitori perché malata, bimba battezzata in ospedale a Trapani

Da sei mesi è stata "adottata de facto" da medici e infermieri del presidio ospedaliero Sant'Antonio Abate di Trapani. Ed ora la neonata, non accettata dai genitori dopo il parto per la sua grave patologia genetica, è stata anche battezzata nell'unità operativa di Neonatologia e Utin del nosocomio trapanese.

Tutto il personale che ha in cura la neonata al reparto ha organizzato un piccolo festeggiamento. La piccola Anna, questo il nome della bimba, è in stato di adottabilità, e in attesa che i servizi sociali le trovino una struttura dove accoglierla.

"Sono questi gesti - ha commentato il commissario straordinario dell'Asp Giovanni Bavetta - dal grande valore umano, che rendono la nostra missione unica e che rifondono di tutti i sacrifici di questo mestiere. La passione e l'amore con cui tutti al reparto hanno seguito in questi mesi i soggetti più fragili che vi siano come sono i neonati con gravi malattie, è la conferma come oltre alla grande professionalità abbiano anche grande umanità e solidarietà verso il prossimo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali