FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, vigile morì tragicamente lasciando indebitati i 7 figli: i colleghi pagano il mutuo

Giuseppe Romano perse la vita a 54 anni nel 2016 in un incidente domestico: la famiglia rischiava lo sfratto, salvata dalla solidarietà

Palermo, vigile morì tragicamente lasciando indebitati i 7 figli: i colleghi pagano il mutuo

Cadendo da un albero, il vigile urbano Giuseppe Romano, di Palermo, perse la vita a 54 anni nel 2016, lasciando moglie e 7 figli con un mutuo da pagare. Ma quegli 800 euro al mese erano diventati insostenibili per la famiglia, che così rischiava di perdere la casa. Da qui il disperato appello della moglie di Romano, accolto senza indugio dai colleghi del marito. Il gesto di solidarietà, riferito da Il Giornale di Sicilia, è stato sostenuto dal comandante della municipale Gabriele Marchese in persona: "Un aiuto concreto ai parenti di un collega che con tanti sacrifici portava avanti la sua famiglia, non potendo sostituirlo negli affetti".

"Sono rimasto sorpreso dalla sensibilità dimostrata dai colleghi, - ha commentato il comandante Marchese a Il Giornale di Sicilia. - La raccolta non è una tantum, ma ha l'obiettivo di dare quel sostegno che un padre come Giuseppe dava alla sua famiglia".

"Non possiamo sostituire una persona negli affetti - aggiunge, - ma ci affianchiamo per far sentire il meno possibile l'assenza". "Certo, - conclude, - trovare un'occupazione alla moglie, che le consenta di essere indipendente, sarebbe la cosa migliore. Al momento diamo la nostra disponibilità perché possa ricontrattare il mutuo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali