FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, la donna stuprata dal branco: "Mi minacciavano, ʼfai così o ti uccidiamoʼ"

Eʼ stata costretta a salire su unʼauto ed è stata abusata da 4 persone. "Mi hanno minacciata con un coltello e mi hanno presa a morsi"

"Mi hanno minacciata di morte, mi hanno messo un coltello alla gola e mi hanno presa a morsi". A parlare è la donna di 44 anni che è stata stuprata da quattro persone, probabilmente bengalesi. Prima, è stata costretta a salire su una macchina mentre, uscita da lavoro, stava aspettando l'autobus alla fermata di Rebibbia, a Roma, e poi è stata violentata nei pressi del casello A1 di Guidonia. La procura di Tivoli ha aperto un'indagine per stupro di gruppo.

La 44enne è stata avvicinata da due uomini a bordo di una Panda rossa con la scusa delle indicazioni stradali per Tivoli, poi i due l'hanno caricata a forza in macchina e portata all'uscita del casello per Guidonia. "Siamo arrivati lì e c'erano altri due uomini che dormivano, quando ci hanno visti sono saliti in macchina", ha raccontato. A turno i quattro uomini hanno abusato di lei. "Io continuavo a urlare, ma mi dicevano 'è inutile che urli perché nessuno ti salva qui' e poi mi hanno messo il coltello alla gola".

La donna è stata picchiata, presa a morsi, minacciata con un coccio di bottiglia. Alla fine della violenza è stata scaricata in strada. "Ho pensato adesso finalmente posso tornare a casa dal mio cane. E' stata un'esperienza bruttissima, vorrei solo dimenticare, ma sarà impossibile. Ora cerco di andare avanti", ha concluso la vittima.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali