FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il governo ordina lo scioglimento del Comune di Cerignola per mafia

Nella provincia di Foggia, sono stati sciolti per lo stesso motivo anche Mattinata e Monte Santʼangelo. Sotto osservazione Manfredonia

Il Consiglio dei Ministri ha ordinato lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Consiglio comunale di Cerignola, in provincia di Foggia. La richiesta è arrivata dal ministro Luciana Lamorgese. Lo comunica lo stesso governo: "A seguito di accertati condizionamenti da parte di locali organizzazioni criminali, il cdm ha deliberato lo scioglimento per 18 mesi del Consiglio comunale di Cerignola e l'affidamento dell'amministrazione a una commissione straordinaria". Nella stessa provincia, sono stati sciolti per mafia altri due comuniMattinata nel 2018 e Monte Sant'Angelo nel 2015. 

 

Dopo un'indagine di nove mesi, la Commissione Antimafia ha accertato la presenza di infiltrazioni mafiose nel Consiglio comunale, in particolare nell'affidamento dei lavori pubblici, nell'assegnazione delle case popolari e nella gestione del verde urbano e del Suap, lo sportello di attività produttive. Nella relazione prefettizia, è descritta la posizione del sindaco Franco Metta e i suoi presunti rapporti con esponenti di rilievo della criminalità.  Al momento, è sotto l'osservazione della Commissione Antimafia anche la città di Manfredonia

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali