FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

Omicidio Matilda, Cassazione accetta il ricorso:madre accusa ex compagno

Per la morte della bimba di 23 mesi il gip di Vercelli aveva disposto il non luogo a procedere nei confronti della donna e del fidanzato. Il caso affidato a un nuovo giudice

- La Cassazione riapre il caso Matilda, la bimba di 23 mesi morta nel 2005 a Roasio, nel Vercellese, a causa di un violento colpo alla schiena. I giudici supremi, riferiscono gli avvocati, hanno accolto il ricorso dei legali della madre, Elena Romani, contro il non luogo a procedere nei confronti del suo compagno di allora, Antonio Cangialosi.

Omicidio Matilda, Cassazione accetta il ricorso:madre accusa ex compagno

Dopo l'assoluzione della madre della bimba, Elena Romani, la procura aveva chiesto il rinvio a giudizio per Cangialosi, ma lo scorso giugno il gip di Vercelli Paolo Bargero aveva confermato il non luogo a procedere. Decisione, quest'ultima, annullata dalla Cassazione, che ha accolto il ricorso degli avvocati della Romani, Roberto Scheda e Tiberio Massironi.

"Questa decisione è una vittoria per noi", commenta l'avvocato Scheda. A dieci anni dalla morte della bimba di 23 mesi, il fascicolo ritorna ora in tribunale a Vercelli, dove sarà affidato a un nuovo giudice. Per la Suprema Corte, che ha riaperto il caso, il trauma del quale fu vittima la piccola Matilda venne prodotto "durante l'assenza dall'abitazione della Romani, uscita nel cortile per stendere all'aria il cuscino lavato" dal vomito della bimba che si era sentita male.

La morte della piccola Matilda risale al 2 luglio 2005. Pochi giorni prima la bimba e la madre, hostess di Busto Arsizio che l'aveva avuta da una precedente relazione, si erano trasferiti a Roasio, nel Vercellese, nella casa del nuovo compagno della donna. Secondo le perizie medico-legali, a far morire la bambina sarebbe stato un colpo violento alla schiena, forse un calcio, che le provocò lo schiacciamento di rene e fegato. Per la sua morte vennero indagati la mamma - assolta in via definitiva - e il compagno, le uniche persone che si trovavano nell'abitazione.

TAG:
Cassazione
Caso matilda