FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, disabili beffati: i cinque milioni di euro promessi dal governo regionale non sono mai arrivati

"Striscia la Notizia" in Sicilia per occuparsi del caso

 

Dall'ex governatore Rosario Crocetta all'attuale presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, le promesse per venire incontro ai disabili in Sicilia non sono mancate. I cinque milioni di euro promessi, invece, sì. "Striscia la Notizia" si reca a Palermo per fare luce sul caso, dopo che della somma promessa dal governo regionale siciliano per i piani di cura individuali per i casi di disabilità si è persa ogni traccia.


A raccontare la vicenda è Giovanni Cupidi, del comitato "Siamo Handicappati No Cretini". "Vi ho chiamato perché i cinque milioni promessi non sono mai arrivati: due milioni e mezzo sono stati riassorbiti nel bilancio, altri due milioni e mezzo non sappiamo materialmente che fine abbiano fatto. A luglio, assieme al comitato, abbiamo incontrato l'assessore al bilancio che si era fatto carico delle nostre richieste e avrebbe chiesto la governo nazionale più risorse, quindi adesso è da lui che aspettiamo certezze".


L'inviata Stefania Petyx si incontra con l'assessore Gaetano Armao, che promette: "Deve esserci stata una sovrapposizione nella redistribuzione delle risorse tra i due assessorati ma mi impegno perché possa essere risolta il prima possibile".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali