FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manuela Bailo, lʼamante dal carcere: "Abbiamo litigato per un tatuaggio"

"Non volevo ucciderla, lʼho spinta ed è caduta dalle scale". Ma lʼautopsia rivela che la morte sarebbe avvenuta per soffocamento

Manuela Bailo, l'amante dal carcere: "Abbiamo litigato per un tatuaggio"

"Non volevo ucciderla, l'ho spinta ed è caduta dalle scale". E' la versione fornita dal carcere da Fabrizio Pasini, dopo aver fatto ritrovare il corpo delle 35enne bresciana Manuela Bailo, che per due anni è stata la sua amante. "Abbiamo litigato per un tatuaggio", ha detto l'uomo raccontando che la donna si sarebbe arrabbiata scoprendo che lui aveva fatto un tatuaggio che avrebbero invece dovuto fare insieme.

L'autopsia sul corpo della donna ha stabilito, che la frattura composta alla base superiore del cranio, riscontrata dai medici, non può aver determinato il decesso. C'è altro. La giovane, scomparsa da casa il 28 luglio e il cui cadavere è stato fatto ritrovare dal suo assassino lunedì nelle campagne cremonesi, potrebbe essere morta per soffocamento, data anche la presenza di un segno all'altezza della carotide e la forte presenza di sangue.

Ancora non è chiaro, tuttavia, se la donna sia deceduta per un'emorragia interna in seguito alla caduta o se sia stata strangolata dall'amante con il quale lavorava negli uffici della Uil di Brescia. Il sindacato, intanto, ha ufficializzato l'espulsione di Pasini, che si trova in carcere con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere. In mattinata nell'interrogatorio di convalida del fermo davanti al gip ha ripetuto quanto già aveva detto domenica notte quando, tornato dopo due settimane di ferie con moglie e figli in Sardegna, ha confessato il delitto ai carabinieri che lo aspettavano fuori casa.

L'omicidio è avvenuto nell'appartamento della madre di Pasini a Ospitaletto, nel Bresciano, attorno alle cinque del mattino del 29 luglio e il cadavere è stato trasportato lontano dalla casa teatro della tragedia solo 24 ore più tardi. Il sindacalista e Manuela Bailo avevano trascorso la serata a casa e poi fino alle quattro del mattino in pronto soccorso, perché lui si era procurato una contusione alle costole cadendo in casa. "Dopo l'ospedale non l'ho riportata alla sua auto ma siamo tornati a casa perché Manuela aveva dimenticato gli occhiali", ha spiegato Pasini che ha confermato anche il motivo del litigio. Manuela non era incinta e l'autopsia ha escluso uno dei motivi del litigio ipotizzati degli inquirenti.

Per tutta la giornata nell'abitazione dei genitori dell'assassino, dove è avvenuto l'omicidio, è stato eseguito un sopralluogo da parte della Scientifica dei carabinieri per ricostruire attraverso l'esame del luminol la dinamica. Nessun commento da parte del sostituto procuratore Francesco Milanesi: "Aspettiamo la convalida", si è limitato a dire. "Sono emersi elementi molto interessanti che sicuramente mettono in dubbio la versione fornita da Pasini", fa però sapere l'avvocato Michele Radici, uno dei due legali della famiglia Bailo.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali