FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vaccini, diffamò su Facebook il medico Burioni: Red Ronnie a giudizio

Il conduttore e critico musicale con un post era tornato su un dibattito tv e apostrofava il ricercatore come "malato di protagonismo"

Vaccini, diffamò su Facebook il medico Burioni: Red Ronnie a giudizio

La Procura di Bologna ha citato a giudizio Red Ronnie, al secolo Gabriele Ansaloni, con l'accusa di aver diffamato Roberto Burioni, professore ordinario di Microbiologia e Virologia al San Raffaele di Milano, contestatore della campagna anti-vaccino. Secondo il pm Manuela Cavallo il conduttore televisivo, il 15 maggio 2016, dopo un dibattito nella trasmissione "Virus", pubblicò sul proprio profilo Facebook un testo accusando il docente di "ricerca di protagonismo" e di essere "legato a interessi economici".

Il post incriminato​L'imputazione riguarda un post su Facebook in cui Red Ronnie tornava "sulla polemica generata dal mio intervento a Virus sui vaccini perché ci sono tanti genitori - scriveva tra l'altro - che hanno subito danni da vaccini che mi scrivono ringraziandomi. Tutti mi parlano di fatti". Il conduttore dunque proseguiva dicendo di aver ricevuto un'email che copiava sotto al suo messaggio "e che riguarda quel medico che sta facendo tanto rumore sui media, alla ricerca di un protagonismo che, quanto si legge nella mail, è legato anche a interessi economici".

Burioni, nell'occasione, aveva annunciato una denuncia.

La difesa di Red RonnieSecondo il difensore di Red Ronnie, l'avvocato Guido Magnisi, si trattò di "pieno diritto di cronaca" nel "dare spazio a un padre che faceva una critica" nei confronti del medico. "Voglio chiarire che, in questo caso, il problema non sono i vaccini sì o no o se la medicina debba essere democratica o meno. Certamente democratica deve essere, in particolare per un giornalista professionista, la libertà di espressione, il diritto di critica e, come in questo caso, il diritto di cronaca su critiche altrui", ha aggiunto l'avvocato Magnisi.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali