FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Pamela, convalidato il fermo per Lucky e Awelima

Il secondo, 27 anni, si è avvalso della facoltà di non rispondere mentre il primo, 22 anni, ha risposto negando di avere a che fare con la morte della ragazza

Arresti convalidati per Desmond Lucky e per Lucky Awelima: i due nigeriani, coinvolti nella morte di Pamela Mastropietro, restano in carcere. Lo ha deciso il gip di Macerata, Giovanni Maria Manzoni. Awelima, 27 anni, si è avvalso della facoltà di non rispondere mentre Lucky, 22 anni, ha risposto negando di avere a che fare con la morte della ragazza, il cui cadavere fatto a pezzi è stato trovato in due trolley nelle campagne di Pollenza il 31 gennaio.

Desmond Lucky, ha spiegato il suo legale Gianfranco Borgani, "ha negato di essere stato in quella casa, ha detto che conosceva Innocent Oseghale ma non Pamela. Ha risposto a domande sulle telefonate tra lui e Oseghale il 30 gennaio, spiegando che si erano sentiti per delle puntate da giocare su Eurobet". Il 22enne nigeriano è accusato anche di spaccio di droga: avrebbe ceduto una dose di eroina a Pamela il 30 gennaio.

L'altro indagato, Lucky Awelima, non ha invece risposto alle domande. Il gip Giovanni Maria Manzoni ha confermato la custodia in carcere per entrambi e per tutti i capi di incolpazione, che comprendono omicidio, vilipendio e occultamento di cadavere.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali