FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Petroliere iraniano fa causa a Sara Croce, la "bonas" di "Avanti un altro": rivuole un milione di euro dopo la fine della loro relazione

Il magnate Hormoz Vasfi porta lʼinfluencer in tribunale: "Relazione solo per profitto". E lei risponde con una contro-denuncia per stalking

Sara Croce e Hormoz Vasfi, l'amore finisce in tribunale

E' finita in tribunale la relazione di pochi mesi tra il magnate iraniano Hormoz Vasfi, petroliere milionario 54enne, e la showgirl Sara Croce, modella pavese 22enne nota al pubblico per essere stata la "bonas" di "Avanti un altro" su Canale 5 al fianco di Paolo Bonolis. Vasfi ha depositato un atto di citazione contro l'influencer chiedendo il risarcimento di oltre un milione di euro, pari al totale delle spese sostenute in quei mesi. La donna ha risposto con una denuncia querela per stalking.

Dai gioielli alle cialde di caffè La storia tra il nababbo, già ex di Taylor Mega, e la modella è nata a ottobre e si è chiusa a giugno, dopo un lockdown "da separati in casa". Secondo i legali di Vasfi, lei avrebbe "allacciato una relazione solo per trarne un profitto economico". Nella lista di spese e regali per cui viene chiesto il risarcimento, riportata dal Corriere della Sera, c'è davvero di tutto: un gioiello di Bulgari da 50mila euro, un orologio e un bracciale Cartier da 34mila euro, una casa in affitto in centro a Milano per poco più di 3mila euro al mese e una vacanza sogno a Disneyland Paris per 7mila euro. Ma non solo. Si arriva fino alle spese più contenute, come una lavatrice, un lettore Dvd e addirittura alcune confezioni di cialde di caffè.

 

La difesa della bonas e la denuncia per stalking Sul fronte opposto i legali della giovane hanno depositato in Procura a Milano una denuncia querela per stalking. Nelle carte sarebbero raccolte le prove di 80 chiamate e 423 messaggi di "pressione" inviati da Vasfi alla mamma e allo zio di Sara Croce dopo la fine della storia. In merito alla richiesta di risarcimento, l'avvocato della "bonas" spiega, che si è trattato di spese avvenute in libertà e per precisa volontà del milionario. E che la ragazza ha già restituito - scelta a cui non era tenuta - una Land Rover che aveva ricevuto in regalo per il suo compleanno.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali