FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nord Italia, uditi forti boati: sui social scatta la paura | Eurofighter inseguono aereo francese per allarme dirottamento

Un aereo di linea francese avrebbe compiuto una manovra sospetta sulla Valle dʼAosta. Fatti partire due Eurofighter dellʼAeronautica Militare

Attimi di paura nella Bergamasca: diverse persone hanno udito due forti boati, affidando la loro testimonianza ai social. L'eco è stata avvertita distintamente anche nel Milanese, nel Bresciano e in altre province lombarde. Ma a causare i boati sono stati due Eurofighter dell'Aeronautica Militare i quali hanno rotto la barriera del suono per intercettare un aereo di linea francese che aveva compiuto una manovra sospetta. Il volo aveva perso il contatto radio ed è scattato l'allarme dirottamento.

A causare l'allarme sui cieli italiani è stato il volo AF671A della Airfrance che si stava dirigendo verso Parigi. Durante la fase di sorvolo della Valle d'Aosta, il velivolo ha compiuto una manovra non prevista. Per questo dall'Aeronautica Militare è partito l'ordine di scramble e sono stati fatti decollare due Eurofighter per intercettare il volo francese. I Jet, partiti dalla base di Istrana (Treviso), per raggiungere l'area hanno accelerato oltre Mach 1 rompendo il muro del suono a bassa quota.

Air France aveva perso contatti radio - Si fa avanti l'ipotesi che il volo Air France che ha causato l'allerta militare sui cieli italiani abbiamo avuto un problema tecnico ai sistemi radio. L'AF671A potrebbe aver perso il segnale di aggancio alle torri di controllo e per questo ha modificato la rotta compiendo un giro di 360° su Aosta. Il volo partito dall'Isola di Reunion (dipartimento francese nell'Oceano Indiano) è successivamente atterrato alle 12:17 senza conseguenze allo scalo Parigi Orly con quasi un'ora di ritardo.

Manovra a cerchio chiesta dall'Italia - Air France conferma il problema di "comunicazione radio" di un suo Boeing che stava sorvolando la Val d'Aosta e l'intervento di "due caccia italiani". La manovra a cerchio, spiega il portavoce della compagnia, "è una normale manovra di verifica di sicurezza richiesta dalle autorità italiane".

Procura: piloti in emergenza, nessun reato - Per la Procura di Bergamo, competente a indagare sulla vicenda dei due forti boati che hanno creato forte allarme in Lombardia, allo stato, non si ravvisano reati a carico dei due piloti che, con i loro caccia, hanno superato il muro del suono. Secondo le prime informazioni raccolte dai pm, i due piloti avrebbero infatti agito in condizioni di emergenza. La Procura di Bergamo è comunque in attesa di ricevere una relazione dalle autorità competenti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali