FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Stasi dal carcere: io una vittima, come Tortora

Condannato a 16 anni per il delitto della fidanzata Chiara Poggi, lʼex bocconiano scrive un lungo sfogo dalla sua cella di Bollate: "I fatti e le carte provano la mia innocenza: trovato un colpevole a tutti i costi"

Stasi dal carcere: io una vittima, come Tortora

"Sono una vittima, come Enzo Tortora. Non sono un detenuto, sono un prigioniero": è lunga, articolata e intensa la lettera che arriva dal carcere di Bollate alla redazione di Qn e che riporta queste frasi. A scriverla di proprio pugno, a stampatello, su sei facciate di foglio protocollo, è Alberto Stasi, condannato in via definitiva a 16 anni di carcere per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco (Pavia) nell'agosto 2007. "Si è voluto trovare un colpevole a tutti i costi", continua.

"La mia speranza, ancora oggi, è che tutti si possano rendere conto della condizione in cui vengono a trovarsi persone che come me - si sfoga Alberto Stasi, - a causa di questa malsana tendenza a condizionare i processi celebrandoli, prima e male in tv, si trovano a essere giudicati in modo errato rispetto a quella che è la realtà. Del resto, in situazioni come queste, le persone vengono esibite come trofei alzati al cielo dopo una vittoria. È sempre stato così e sempre sarà, da Sacco e Vanzetti a Tortora".

Sotto accusa i processi mediatici e il voler trovare a tutti i costi un colpevole, scrive ancora l'ex bocconiano. E la conclusione: "Non è facile per un innocente che attendeva i giorni della sentenza con la speranza di ritornare libero, entrare in carcere. Sto cercando di inserirmi nella realtà carceraria. Il lavoro svolto da educatori, volontari e direzione penitenziaria è encomiabile. La vita di un detenuto non è solo una condizione fisica, ma è anche (e soprattutto) mentale: il corpo può essere ristretto, la mente no. Non mi sento un detenuto. Mi sento un prigioniero. Non voglio cedere allo sconforto, se non altro per le persone che amo e che non mi hanno mai lasciato solo. Benché io sia esausto, mi auguro di trovare la forza per resistere e ricominciare, passo dopo passo, quella forza che solo un innocente in cuor suo può avere in questa situazione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali