FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Sgozzarono un capretto per strada, assolti due rom musulmani a Genova

Per il giudice non si tratta di crudeltà verso gli animali, ma una pratica consentita da un rito religioso

Sgozzarono un capretto per strada, assolti due rom musulmani a Genova

Avevano sgozzato un capretto per strada, macellandolo secondo il rito islamico ma senza le autorizzazioni. Per questo due rom erano stati condannati in primo grado per maltrattamento di animali. Ora la Corte d’Appello di Genova ha ribaltato la sentenza: non c'è stata nessuna crudeltà perché era un rito religioso e questa pratica è ammessa per il rispetto del credo altrui.

"Una pratica come il sacrificio rituale musulmano, che è di per sé crudele se parametrata alla sofferenza inflitta, non può essere considerata illecita poiché esplicitamente ammessa per il rispetto dell'altrui libertà religiosa, e quindi non lesiva del comune sentimento di pietà", scrive il giudice nella sentenza secondo quanto riporta La Stampa. "Il limite allo svolgimento di queste pratiche è quello della necessità, nel senso che la macellazione senza stordimento preventivo della vittima è consentita solo ed esclusivamente nel contesto d’un rito religioso, com'è avvenuto nella fattispecie", si legge ancora.

I due nomadi in primo grado erano stati condannati anche a una sanzione da quattro e seimila euro.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali