FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Le pecore tosaerba di Roma fanno flop: fieno troppo alto e secco

Il bando per gli ecopascoli emesso troppo in ritardo. Ora si punta ai trattori della Coldiretti

Le pecore tosaerba di Roma fanno flop: fieno troppo alto e secco

Erba troppo alta e soprattutto secca, praticamente un boccone indigesto per le pecore che avrebbero dovuto tosare i parchi di Roma secondo il piano preparato dalla sindaca Raggi. Ma come riporta il quotidiano Roma Today, il ritardo con cui è stato preparato il bando per gli "ecopascoli" non ha permesso agli ovini di espletare il loro compito.

L'idea era quella di utilizzare metodi già sperimentati in altre città europee: greggi di pecore al servizio della pubblica utilità nei giardini pubblici per tenere bassa l'erba. Peccato che questa operazione andava fatta in un periodo ben definito, in primavera, quando l'erba appunto è in fase di crescita. Il bando capitolino, scaduto il 29 maggio, prendeva in considerazione il periodo dal 15 giugno al 15 luglio.

L'erba però era già alta e soprattutto secca nelle aree verdi previste dal bando. E alle pecore questo non è piaciuto.

Ora si punta ai trattori di Coldiretti - Per correre ai ripari si torna alle falciatrici meccaniche e, grazie a un protocollo firmato dal Campidoglio, si potranno avere a disposizione quelli della Coldiretti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali