FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

"Messa in stanza con un collega che ha problemi di flatulenza": la denuncia della conduttrice del Tg1 finisce in tribunale

"Lo hanno fatto per punirmi", sostiene Danila Mondini di fronte ai pm. Nel mirino dell'indagine per stalking ci sono 5 vicedirettori Rai

Twitter

"Mi hanno messa in una stanza con un collega che ha problemi di flatulenza ed eruttazioni: lo hanno fatto per punirmi".

E' ciò che ritiene la conduttrice del Tg1

Dania Mondini

, che ha denunciato i suoi superiori alla procura di Roma. Nel mirino dell'indagine per stalking ci sono cinque colleghi della Mondini: Filippo Gaudenzi, Marco Betello, Piero Felice Damosso, Andrea Montanari e Costanza Crescimbeni, che all'epoca dei fatti (nel 2018) ricoprivano posizioni di vertice all'interno del telegiornale di Raiuno.

 


"Mi vogliono ridimensionare"

 - Secondo quanto sostiene il mezzobusto del Tg1, la decisione di metterla in stanza con un collega che non riesce a trattenere i peti e i rutti è per ridimensionarla. E così la Mondini si mette di traverso e, opponendo un rifiuto motivato "all'ordine di servizio", non si sistema nell'ufficio assegnatoli.


 


La denuncia alla procura

 - A quel punto la Mondini subirebbe nuove ritorsioni. La cronista, infatti, denuncia che da allora le vengono affidati servizi brevi e banali e di subire violente aggressioni verbali a causa di piccoli errori durante la conduzione del notiziario. E' allora che la giornalista decide di denunciare tutto in procura, producendo referti medici che provano lo stress patito a causa dei demansionamenti. Tra i colleghi sentiti dal pm a cui è stato affidato il caso solo una sposa la versione della Mondini.


 



 


Stalking o mobbing?

- Si arriva così all'archiviazione: per la procura non c'è reato di stalking e bisogna valutare, al massimo, l’ipotesi di mobbing. Tuttavia, invece di finire presso il tribunale civile, la vicenda si complica. La procura generale, infatti, interviene e avoca a sé l'inchiesta, togliendola di fatto al pm, e decide di continuare a indagare per stalking i 5 vicedirettori Rai. Dunque l'indagine, al momento, prosegue.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali