FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il figlio di Di Bartolomei: "Le pistole non producono sicurezza"

Il padre, il capitano della Roma morto suicida nel 1994, comprò lʼarma "perché credeva che avrebbe reso più sicura la sua famiglia"

Il padre, capitano della Roma, morì suicida nel 1994 sparandosi un colpo di pistola. Ora Luca Di Bartolomei, figlio di Agostino, interviene nel dibattito sulla legittima difesa e sulle armi postando sui social la foto di una pistola "uguale a quella che aveva Agostino. Quando la comprò lo fece perché credeva che avrebbe reso più sicura la sua famiglia". Ma, spiega l'uomo, "una pistola non produce alcuna sicurezza".

"Al 41% degli italiani che oggi vorrebbe acquistare un'arma più semplicemente per sentirsi più protetto vorrei raccontare, dati e studi alla mano, di come più pistole in giro significheranno solo più morti, più suicidi, più incidenti", ha spiegato Luca su Twitter.

"All'obiezione che chi vuole suicidarsi lo fa comunque vorrei solo dire che, per andare oltre il burrone che pensiamo di avere davanti, basta un attimo. E in quell'attimo non avere accesso ad un'arma può fare la differenza. Non lo dice una vittima, lo dicono tutti gli studi disponibili. Pensate ai vostri figli e ed ai vostri nipoti. Una pistola non produce alcuna sicurezza. Credetemi", ha concluso il figlio dell'indimenticato calciatore romano.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali