FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il caso Renata Rapposelli raccontato in un minuto

Quarto Grado Files ripercorre la vicenda della pittrice 64enne trovata morta il 10 novembre scorso nelle campagne di Tolentino

Quarto Grado Files, la video rubrica legata al programma condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero che ripercorre i più importanti fatti di cronaca, si è occupato del caso Renata Rapposelli.

La pittrice 64enne scompare nel nulla il 9 ottobre 2017 da Giulianova (Teramo). La donna, che viveva ad Ancona, si era recata nella cittadina per far visita all’ex marito Giuseppe Santoleri e al figlio Simone, con cui non andava d’accordo. Inizialmente si pensa ad un allontanamento spontaneo. Il suo corpo viene poi trovato senza vita il 10 novembre nelle campagne di Tolentino, in provincia di Macerata.

Secondo la Procura, la donna sarebbe morta in casa Santoleri per mano di uno dei due uomini o di entrambi. Il suo corpo sarebbe stato poi avvolto nel cellophane e trasportato nelle campagne. Per gli inquirenti alla base del delitto ci sarebbero vecchi rancori e motivi economici. Il 6 marzo, i carabinieri arrestano Giuseppe e Simone Santoleri, già indagati per il delitto. L'accusa è di concorso in omicidio e occultamento di cadavere.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali