Stampanti 3d e ingegno, ecco gli italiani che riconvertono gli oggetti comuni in armi anti coronavirus