FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Firenze, lʼuniversità premia chi si laurea in tempo con assegni da 500 euro

Il rettore Luigi Dei vuole che la borsa di studio funga da incentivo per ridurre i fuoricorso. La premiazione avverrà forse nel giorno della strage del bus Erasmus in Spagna, per ricordare le tre studentesse dellʼateneo che hanno perso la vita

Una borsa di studio da 500 euro a chi si laurea in tempo. E’ l’idea dell’Università degli studi di Firenze che a partire dal 2018 metterà in palio un assegno per gli studenti che non finiranno fuori corso. Sono 1.100 le borse di studio disponibili e potrà partecipare al bando chi ha conseguito il titolo triennale o magistrale in uno dei 128 corsi di laurea dell’ateneo fra novembre 2017 e dicembre 2018. La premiazione avverrà forse durante l'anniversario della strage del bus Erasmus in Spagna, dove sono morte anche tre studentesse dell'ateneo.

Chi sarà premiatoPotrà partecipare qualunque studente dell’ateneo fiorentino che non è finito fuori corso e si è laureato fra novembre 2017 e dicembre 2018. Bisognerà candidarsi entro il 31 gennaio 2019 e le graduatorie saranno pubblicate a marzo. In palio, ci sono 1.100 borse di studio da 500 euro e come saranno assegnate lo spiega il rettore Dei a Repubblica: "Il prerequisito è aver terminato la carriera accademica nei tempi prestabiliti. Poi terremo conto, in ordine di priorità, del voto di laurea, della media ponderata degli esami e della condizioni economica dello studente in base all’Isee. In caso di ex aequo, il premio sarà assegnato al candidato con l’età più bassa".

Le borse a disposizioneIn tutto sono più di mille gli assegni disponibili, ma sono già stati ripartiti fra i corsi di laurea, in base alla percentuale di laureati che registrano. Primo fra tutti, Scienze dell’educazione, che può disporre di massimo 56 borse di studio, a seguire economia aziendale con 52, poi infermieristica con 50 e le 46 di medicina. A scalare, tutte le altre discipline. Un premio è comunque garantito a ciascun corso, in modo che nessuno resti escluso. Secondo i calcoli, circa un 30% dei ragazzi che si candidano dovrebbe ricevere il bonus.

Battaglia ai fuoricorsoAll’ateneo fiorentino preoccupano i numeri di chi non termina l’università nei tempi prestabiliti. Anche se secondo Almalaurea c’è una lieve inversione di tendenza: la percentuale dei laureati regolari è passata dal 40% al 42,2. Ma al rettore non basta e spiega l’iniziativa intrapresa: "Si tratta di un incentivo per spronare gli studenti a mettercela tutta per terminare il percorso in tempo. E’ la prima volta che lo facciamo, ma la scelta di destinare 550mila euro a questo progetto va in una direzione precisa. Vogliamo dare un segnale". Un altro passaggio importante della premiazione è che i vincitori saranno liberi di spendere i soldi come vorranno: "Potrà diventare uno sconto sulle tasse future, oppure potrà servire per acquistare dei libri, o dei tablet, o per contribuire a pagare un master all’estero, ma anche, semplicemente, per andare in vacanza", commenta Luigi Dei.

La premiazioneNon è ancora stata decisa una data precisa per la consegna dei premi, ma c’è un anniversario doloroso e importante che il rettore vorrebbe ricordare: l’incidente del bus con a bordo gli studenti Erasmus in Spagna, nel quale sono morte 13 studentesse tra cui tre ragazze iscritte proprio all’università di Firenze. "E’ un gesto simbolico per delle giovani che avrebbero potuto partecipare al bando ed essere premiate, ma che purtroppo non possono farlo", conclude il rettore.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali