FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Beccalli, il presunto omicida scriveva alla madre: "Lavami i panni"

Dallʼanalisi del cellulare di Alessandro Pasini, in carcere con lʼaccusa di aver ucciso la 39enne di Crema, emergono nuovi indizi

Una foto via Whatsapp e un messaggio: "Mamma lavami questi panni, non entrare in casa e non toccare nulla". Era il 16 agosto scorso, il giorno dopo la morte di Sabrina Beccalli. A scrivere in chat alla madre era Alessandro Pasini, il 45enne di Crema in carcere con l'accusa di avere ucciso l'amica 39enne con cui si era incontrato nel cuore della notte di ferragosto. Il messaggio nelle mani degli inquirenti è stato recuperato tra tutti quelli cancellati da Pasini.

Durante le analisi sul telefonino è emerso che Pasini avrebbe cancellato gran parte dei dati. In parte sono stati recuperati.

 

Cosa accadde la notte di Ferragosto? La vittima e il suo presunto omicida andarono a casa insieme, ma lei, da quell'appartamento, uscirà senza vita. "E' morta a causa di una overdose", si difende Pasini, dopo l'arresto successivo al ritrovamento del corpo carbonizzato della donna.

 

"L'ha uccisa per un approccio sessuale respinto", dicono invece i carabinieri che indagano sul caso.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali