FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus: sono 574 i nuovi casi nelle ultime 24 ore, 3 i morti

Picco di nuovi casi in Veneto (127), che è seguito dalla Lombardia (97). Stabili le terapie intensive con 56 pazienti ricoverati. Lombardia, no isolamento per chi rientra dallʼestero, a Perugia tamponi per chi arriva da Malta

Coronavirus, migrante positivo a Milano: l'esercito presidia centro di accoglienza

Un migrante positivo al coronavirus è stato trasferito in una struttura apposita per la quarantena ed è stato disposto un presidio dell'esercito. E' la situazione che si sta vivendo al Centro di accoglienza straordinaria di via Quintiliano a Milano, dove si sono verificate anche proteste da parte degli ospiti del centro. Il migrante positivo, un 30enne originario del Ghana che lavora come magazziniere, è asintomatico ed è stato trasferito a Linate, in un hub gestito dalla Croce Rossa. Per gli altri 44 ospiti del centro e per i cinque operatori è stato disposto l'isolamento all'interno della struttura. Al momento nessuno dei 44 migranti mostra sintomi del Covid.

Sono 574 i nuovi casi di coronavirus in Italia, nelle ultime 24 ore. Lo rileva l'ultimo aggiornamento del ministero della Salute, secondo cui i decessi sono 3. I casi totali sono quindi saliti a 252.809 mentre gli attualmente positivi sono 14.249. I ricoverati con sintomi sono 771, stabili le terapie intensive con 56 pazienti. In Veneto (127) e in Lombardia (97) gli incrementi di nuovi casi più consistenti.

Il totale dei guariti è di 203.326 (403 in più rispetto a giovedì). In isolamento domiciliare ci sono 13.422 persone.

 

Solo il Molise e la Val d'Aosta sono Covid free Molise e Valle d'Aosta sono le due uniche regioni italiane nelle quali nelle ultime 24 ore non si sono registrati nuovi positivi al Covid-19. La regione nella quale si sono registrati più casi, ben 127, è il Veneto, 97 in Lombardia, 57 in Emilia Romagna, 45 nel Lazio e 44 in Campania.

 

Lombardia, no isolamento per chi rientra dall'estero - In merito ai controlli per chi proviene dall'estero, la Lombardia ha deciso di non imporre quarantene. "Nessun isolamento fiduciario per chi rientra da Spagna, Croazia, Grecia e Malta": lo precisa il presidente della Regione Attilio Fontana insieme all'assessore al Welfare Giulio Gallera. Nessuna quarantena dunque ma "l'adozione rigorosa delle misure igienico sanitarie" come l'uso sempre della mascherina e la "limitazione allo stretto necessario degli spostamenti".  La deriva dal fatto che "la situazione dei contagi in Lombardia è tutt'ora sotto controllo e in considerazione dell'imminente inizio delle attività lavorative per chi rientra dalle vacanze". 

 

Tamponi e test - Resta comunque in vigore, per chi proviene da Spagna, Croazia, Grecia e Malta, l'obbligo della segnalazione del proprio ingresso nel territorio italiano al Dipartimento di Prevenzione dell'ATS (l'ex Asl) competente in base al proprio domicilio. Devono fare seguito o la presentazione dell'esito del tampone effettuato nelle 72 ore antecedenti il rientro in Italia oppure l'effettuazione di un nuovo test molecolare naso faringeo entro 48 dall'arrivo a casa. 

 

Perugia, in aeroporto test per chi arriva da Malta - Sono invece stati eseguiti in una sala appositamente attrezzata dell'aeroporto di Perugia i tamponi sui passeggeri arrivati da Malta con un volo Ryanair. Lo screening è stato deciso dalla Regione e a operare è stato personale dell'Usl Umbria 1. Ai passeggeri è stato spiegato che se il tampone dovesse risultare positivo saranno informati entro quattro ore. E fino ad allora dovranno rimanere in isolamento fiduciario.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali