FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, nonno si toglie la vita: "Non posso vedere il mio nipotino"

Quello dellʼanziano savonese purtroppo sembra non essere un caso isolato. Le forze dellʼordine parlano di unʼescalation atti autolesionistici compiuti da persone di età compresa tra 75 e 80 anni

ostia carabinieri polizia guardia di finanza 112 113 gdf

"Non riesco a vedere il mio nipotino. Non ha più senso vivere così". In queste poche parole, scritte su un biglietto, è racchiuso l'addio di un anziano savonese, che dopo tanti giorni di quarantena per l'emergenza coronavirus si è ucciso buttandosi da una finestra. Un gesto estremo purtroppo non isolato. Nei giorni scorsi altri due anziani savonesi si sono tolti la vita, pare fiaccati dall'obbligo di restare chiusi in casa.

"Non bisogna sentirsi soli, è una fase passeggera che verrà superata", ha affermato al Secolo XIX Carlo Vittorio Valenti, direttore del Dipartimento di Salute mentale e dipendenze dell'Asl 2 di Savona. "Può accadere di sentirsi demoralizzati in questa situazione. Gli anziani non possono vedere figli e nipoti, ma torneranno a farlo. I centri di salute mentale sono sempre aperti e, se la situazione è grave, gli operatori possono anche andare a casa".

 

Le statistiche delle forze dell’ordine parlano di atti autolesionistici messi in atto soprattutto da uomini di età compresa fra i 75 e gli 80 anni, senza particolari patologie pregresse e nella maggior parte dei casi sposati. Una piaga che interessa non solo il Savonese e la Liguria, ma anche il resto d'Italia.

 

A fine marzo, a Cremona,un 73enne positivo al coronavirus si era ucciso gettandosi dal settimo piano dell'ospedale. Un gesto estremo compiuto probabilmente per l'angoscia di aver infettato qualche famigliare. Un altro anziano si era invece lanciato nel vuoto a Monselice (Padova) dalla finestra di una casa di riposo in cui si erano registrati vari decessi a causa del virus. Negli stessi giorni, un uomo di 70 anni è precipitato dal quarto piano di un palazzo a Salerno. Pochi giorni prima era toccata la stessa sorte a una donna di 52 anni, madre di due figli. Il tutto, si pensa, a causa delle pressioni psicologiche legate alla quarantena.

 

Coronavirus, la chiesa di Seriate piena di bare | Il parroco: "Viene da chiedersi dov'è Dio"

La chiesa di San Giuseppe, a Seriate (Bergamo), è piena di bare di persone morte in seguito all'epidemia di coronavirus. Il parroco Don Mario: "Viene da chiedersi dov'è Dio". Le salme destinate alla cremazione vengono poi trasferite fuori regione dall'esercito, mentre saranno i carabinieri a consegnare le ceneri ai familiari.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali