FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Chef travolto e ucciso a Roma, testimone: "Lʼinvestitore stava guidando contromano"

Fabio Feola, indagato per omicidio stradale, avrebbe invaso con la sua auto la corsia sulla quale viaggiava in moto Alessandro Narducci in compagnia di Giulia Puleio, travolgendoli e uccidendoli entrambi

Fabio Feola, l'automobilista che a Roma ha travolto lo scooter dello chef Alessandro Narducci, stava guidando contromano. E' quanto emerge dal racconto di un nuovo testimone oculare. Feola, indagato per omicidio stradale, avrebbe quindi invaso con la sua auto, forse a causa di una distrazione, la corsia sulla quale viaggiava il giovane cuoco stellato e la sua amica Giulia Puleio, travolgendoli e uccidendoli entrambi.

Secondo quanto riportato da Il Messaggero, il nuovo testimone oculare, un ciclista che stava percorrendo quel tratto di strada la notte fra il 21 e il 22 giugno, nei giorni scorsi avrebbe confermato i sospetti degli inquirenti e cioè che a causare la morte del giovane cuoco stellato e della sua amica Giulia Puleio sarebbe stata un'invasione di corsia della vettura guidata dal 30enne originario della provincia di Caserta, che rimane indagato per omicidio stradale plurimo.

La versione del ciclista è considerata abbastanza attendibile dalla Procura anche perché si sovrappone a un'altra testimonianza emersa nelle prime ore delle indagini, quella di un anziano residente, che per primo aveva raccontato ai vigili di aver visto l'auto di Feola transitare nella carreggiata opposta e travolgere frontalmente lo scooter guidato da Narducci.

Il testimone oculare non è sicuro pperò che Narducci e Puleio indossassero, al momento dell'incidente, i rispettivi caschi ritrovati a decine di metri di distanza dal luogo dell'impatto. Questo fatto aveva sin da subito fatto sorgere il dubbio che i due giovani non avessero allacciato in maniera corretta i caschi prima di mettersi in moto.

La circostanza, comunque, non alleggerisce la posizione di Feola, che il 26 giugno si era recato spontaneamente dal pm Pietro Pollidori per chiarire la sua posizione: "Ho visto un'ombra e poi un boato. Non stavo correndo e non ho invaso la corsia", aveva detto il giovane revisore dei conti, spiegando di non aver effettuato alcuna manovra azzardata con la sua auto. E soprattutto di non essersi messo al volante ubriaco: "Avevo bevuto solo un bicchiere di vino". Il 30enne, ricoverato al policlinico Gemelli in codice rosso, non era stato sottoposto all'alcool test dai vigili urbani. Solo l'esame tossicologico, atteso nei prossimi giorni, potrà chiarire le sue reali condizioni nella notte dell'incidente.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali