FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crotone, dottoressa aggredita davanti allʼospedale: è grave | Arrestato un 50enne disoccupato

La donna stava lasciando è stata colpita al collo con un cacciavite. Difesa da un ambulante extracomunitario, è stata ricoverata in codice rosso ma non sarebbe in pericolo di vita

Una dottoressa di 56 anni, Maria Carmela Calindo, è stata aggredita e ferita davanti all'ospedale civile "San Giovanni di Dio" di Crotone. La donna, colpita al collo con un cacciavite, stava lasciando il presidio al termine del turno di lavoro: difesa da un ambulante extracomunitario, è stata ricoverata nello stesso ospedale in codice rosso ma non è in pericolo di vita. L'aggressore, il 50enne Luigi Amoruso, è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio.

La donna era uscita a fine turno dall'ospedale, quando un uomo l'ha aggredita con un cacciavite al collo e al torace. Un venditore ambulante, 40 anni, di origine marocchina ma che da oltre venti opera nella zona ed è conosciuto da tutti, è intervenuto, scongiurando il peggio. Tre agenti, liberi dal servizio, sono poi accorsi e hanno bloccato l'uomo. Per l'aggressore, un disoccupato di 50 anni, il pm della Procura della Repubblica di Crotone Alfredo Manca ha disposto la custodia cautelare in carcere.

L'aggressore alla dottoressa: "Hai fatto morire mia madre" - "Devi essere punita. Hai fatto morire mia madre". Così Luigi Amoruso si è rivolto alla dottoressa, davanti l'ospedale, prima di colpirla con un cacciavite. Secondo quanto è emerso dalle indagini, la madre di Amoruso è deceduta nel 2017 a causa di un carcinoma nel reparto di Medicina generale dell'ospedale di Crotone dove è in servizio la dottoressa Calindro.

L'ambulante: "Ho sentito gridare e sono intervenuto" - "Ho sentito gridare la dottoressa e allora mi sono avvicinato - ha raccontato l'ambulante -. Ho visto che la colpiva con un cacciavite allo stomaco, la voleva ammazzare. Mi sono avvicinato e l'ho buttato giù, poi è scappato e l'ho inseguito fino al bidone della spazzatura, gli ho fatto lo sgambetto ed è caduto. A quel punto l'ho tenuto fermo fino a quando non è arrivata la polizia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali