FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Matera, blitz contro il caporalato: braccianti pagati 3,5 euro lʼora | Arruolati su Facebook e poi minacciati per lavorare

Quattro imprenditori indagati e cinque aziende agricole poste sotto sequestro. I braccianti costretti a lavorare fino a 14 ore al giorno

Matera, blitz contro il caporalato: braccianti pagati 3,5 euro l'ora | Arruolati su Facebook e poi minacciati per lavorare

I carabinieri di Matera hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo nei confronti di quattro imprenditori agricoli indagati per caporalato (intermediazione illecita e sfruttamento di lavoratori) nei campi agricoli del litorale jonico-lucano. I braccianti venivano "arruolati" attraverso i social network e prendevano 3,5 euro l'ora per giornate di lavoro che potevano durare anche fino a 14 ore.

Nel Metapontino sequestrate 5 aziende agricole - I quattro imprenditori agricoli indagati nell'ambito dell'operazione contro il caporalato sono accusati di intermediazione illecita e sfruttamento dei lavoratori. I sequestri preventivi, disposti dal gip di Matera Angela Rosa Nettis, fanno riferimento a un'inchiesta che nel gennaio scorso portò a 12 arresti e altre due misure restrittive per lo sfruttamento di lavoratori stranieri (nella maggior parte romeni) impegnati nella raccolta di frutta e verdura nei campi agricoli della fascia jonica metapontina. I Carabinieri hanno posto sotto sequestro diversi conti correnti, cinque aziende agricole, terreni, prefabbricati, mezzi e attrezzature aziendali per un valore totale di oltre sette milioni di euro.

Arruolati con Facebook e poi minacciati - I lavoratori erano principalmente rumeni e venivano reclutati all'estero tramite Facebook. Una volta giunti in Italia venivano privati dei documenti di riconoscimento e costretti, sotto minaccia e intimidazione, a lavorare in diversi fondi agricoli privati a Scanzano Jonico e Tursi. Le vittime venivano alloggiate in abitazioni a loro affittate forzatamente, il cui costo veniva automaticamente decurtato dal salario. I braccianti venivano costretti a lavorare fino a 14 ore consecutive con un salario medio di 3,5 euro all'ora, con una sola pausa per il pranzo di mezz'ora e sotto continue minacce e intimidazioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali