TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

17/2/2011

Palermo,punì alunno:carcere a prof

Gli fece scrivere "Sono un deficiente"

Una professoressa di 59 anni oggi in pensione è stata condannata a un mese di carcere per abuso dei mezzi di correzione dalla Corte d'appello di Palermo. Nel 2006 Giuseppa Valido fece scrivere a un alunno che riteneva un bullo, per cento volte, "sono un deficiente" sul quaderno.  E il padre la denunciò. Il ragazzino, all'epoca 11enni, con due compagni aveva impedito ad un altro di entrare nel bagno dei maschi "perché sei una femminuccia, un gay".

Così, quella che per quella donna minuta ma molto decisa doveva essere una lezione di vita a uno studente si è trasformata in una punizione per lei. L'imputata, docente di lettere, non andrà in carcere, essendoci la sospensione della pena e il condono, ma per la difesa è un brutto colpo. Soprattutto dopo l'assoluzione in primo grado. Il giudice aveva stabilito nella sentenza che "il non intervenire avrebbe significato che condotte vessatorie a danno dei più deboli sarebbero state comunque accettate".

Ma in Appello le cose sono andate diversamente. Per la Corte si è trattato "di un uso non sproporzionato del potere di intervento pedagogico-disciplinare sul minore".

L'avvocato della difesa, Sergio Visconti, annuncia il ricorso in Cassazione. "Ho sentito poco fa la mia cliente. Non se la sente di parlare. E' sconfortata. Mi ha detto che le viene da piangere e non potrebbe affrontare in pubblico una discussione sulla vicenda che la vede protagonista" dichiara il legale. "La mia cliente - aggiunge il difensore - non si dà pace. Si sente tradita dalle istituzioni che ha cercato di garantire anche insegnando ai ragazzi che non si devono discriminare gli altri". "Mi ha detto - conclude - che forse alla luce della sentenza sarebbe stato meglio non intervenire".

Esulta invece il padre del giovane costretto alla punizione, Vincenzo C., imprenditore nel settore delle demolizioni di auto, che sulle prime aveva risposto per le rime, dando della "c…" alla professoressa. L'uomo si era molto arrabbiato per la vicenda al punto da far visitare il figlio al quale era stato diagnosticato un vero e proprio shock. Gli psicologi dell'azienda sanitaria avevano segnalato il fatto alla direzione della scuola e alla Procura.

A Giuseppa Valido, che non si è mai pentita del gesto, ora non resta neppure la consolazione di aver dato una lezione di... ortografia. Lo studente ha scritto per ben cento volte "deficiente" senza "i". 

Ultimo aggiornamento ore 15:24


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark

Invia un commento


COMMENTI

24/02/11

francesco luciani

il commento,l'unico possibile,è che anche tra i giudici,purtroppo,esistono persone indegne che sviliscono il ruolo loro affidato ficcando peraltro il naso in cose che non sono di lorocompetenza.Nel caso specifico,èstata condannata un'iniziativa pedagogica a mio avviso utilissima e opportuna,che cade senza dubbio sotto lo scudo del principio costituzionale della libertà di insegnamento,che semmai i giudici dovrebbero tutelare enon disattendere con sentenze sciocche e offensive,francesco luciani.
18/02/11

Fabiola

Un bullo che rimane scioccato perche' scrive cento volte "sono un deficente"???? Ma chi vogliono prendere in giro? Vorrei proprio vederli questi psicologi, magari pagatio per redigere false relazioni...non vi dimenticate che siamo a Palermo. La maestra ha fatto bene...ha difeso i piu' deboli!!!
18/02/11

angy

QUANDO ANDAVO A SCUOLA IO INVECE, C'ERA UN INSEGNANTE CHE TI MANDAVA IN GIRO X LE CLASSI CON UN CARTELLO SULLA SCHIENA CON CRITTO " SONO UN SOMARO ", MA NESSUN GENITORE L'HA MAI DENUNCIATA, FORSE XHE' I NOSTRI GENITORI PERCEPIVANO LA COSA COME UN SEGNO DI DIMOSTRAZIONE DEL RISPETTO CHE BISOGNA AVERE VERSO GLI ALTRI, MAGARI CON VEDUTE ANCHE DIVERSE DALLE NOSTRE. AL GIORNO D'OGGI I GENITORI SONO PIU' FESSI E IGNORANTI DEI FIGLI. NON C'E' PIU' RISPETTO X GLI INSEGNANTI, CI SONO SOLO PRETESE.....
Pubblicità
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca