TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

8/1/2010

Rosarno, gambizzati due immigrati

Tensione con gli abitanti del paese

Due immigrati sono stati feriti alle gambe a Rosarno in seguito a una sparatoria che si è verificata a pochi chilometri di distanza dall'accampamento dove sono ospitati gli extracomunitari, nel comune di Laureana di Borrello. I colpi di arma da fuoco sono stati esplosi da ignoti e i due feriti sono stati trasportati in ospedale. A comunicare quanto accaduto sono stati i carabinieri di Gioia Tauro.

La notizia della sparatoria arriva alcune ore dopo lo scioglimento del presidio davanti al municipio della cittadina. Gli extracomunitari avevano raggiunto il Comune dopo gli scontri con le forze dell'ordine di giovedì sera. Durante la manifestazione un uomo ha sparato in aria, ci sono stati momenti di tensione ma nessun incidente. Il prefetto ha promesso agli immigrati: "Vi proteggeremo". La protesta era esplosa dopo il ferimento di alcuni extracomunitari, colpiti con un'arma ad aria compressa. Armati di spranghe, gli immigrati hanno così messo a ferro e fuoco alcune vie della città nonostante l'intervento di polizia e carabinieri schierati in assetto antisommossa. Questo ha fatto infuriare i residenti: "Non è possibile che abbiano creato questa confusione - hanno protestato -. Hanno mandato anche bambini in ospedale e una donna incinta ha abortito, un'altra ha avuto un infarto".

La situazione in tempo reale


23.45 - Cittadini occupano comune di Rosarno.
Alcune decine di abitanti di Rosarno stanno occupando il Municipio per protestare contro la presenza degli immigrati e chiedere che vengano mandati via. I promotori della protesta, mentre altre persone stanno proseguendo il blocco stradale lungo la Statale 18, hanno chiesto di incontrare il commissario prefettizio al quale, secondo quanto hanno riferito, vogliono chiedere di attivarsi immediatamente per fare allontanare gli immigrati che vivono in paese dopo gli incidenti accaduti ieri.
 
22.49 - Al via il trasferimento di 200 immigrati.
E' iniziato da poco il trasferimento dei circa 200 immigrati che erano ospitati nell'ex fabbrica Rognetta, a Rosarno, dove è scoppiata una rivolta di extracomunitari. Gli immigrati, la maggior parte dei quali hanno chiesto loro stessi di essere portati via da Rosarno, saranno trasferiti nel cpa di Isola Capo Rizzuto. Al momento sono arrivati a Rosarno i pullman e diverse decine di immigrati sono gia' saliti a bordo. La situazione appare tranquilla, anche se c'e' un presidio di cittadini che attende di vedere gli immigrati allontanarsi.

21.08 - Presto trasferiti 200 immigrati. Almeno 200 immigrati, responsabili a vario titolo degli scontri avvenuti a Rosarno, saranno trasferiti questa notte stessa al centro di permanenza temporanea di Crotone. In arrivo nel paese della Piana di Gioia Tauro alcuni pullman di ditte private per organizzare il trasporto. Sarebbe questo uno dei primi provvedimenti presi dalla task force organizzata dalla Prefettura di Reggio Calabria.

21.06 - Sassaiola tra abitanti e immigrati. Ulteriori momenti di tensione si sono vissuti, in serata, in località Bosco di Rosarno quando alcuni abitanti della zona hanno cercato di avvicinarsi e accerchiare la struttura ex Esac dove sono accampate centinaia di immigrati e cercando di arrivare allo scontro con loro. Ne è scaturita una fitta sassaiola.
  
20.49 - Sono 37 i feriti a Rosarno.
 L'ultimo bilancio degli incidenti a Rosarno, fornito poco fa dal prefetto di Reggio Calabria, Luigi Varratta, è di 37 feriti: 19 extracomunitari e
18 uomini delle forze dell'ordine. Uno degli extracominitari feriti a colpi di spranga sulla statale 18 è in gravi condizioni, sottoposto ad intervento chirurgico e ricoverato ora, in codice rosso, in neurochirurgia a Reggio Calabria.

20.40 - Ipotesi allontanamento volontario per gli extracomunitari. La task force costituita presso la Prefettura di Reggio Calabria per far fronte all'emergenza
scoppiata con la rivolta degli immigrati a Rosarno sta valutando la possibilità di attuare degli allontanamenti su base volontaria degli extracomunitari attualmente presenti nell'area della comune della piana di Gioia Tauro. E, a quanto si apprende, questa valutazione avviene in stretto contatto con il Dipartimento per l'immigrazione e le libertà civili del ministero dell'Interno.

20.39 - Loiero: "Pericolosa deriva". "Il nuovo episodio di violenza a Rosarno fa temere una pericolosa deriva e bisogna stare tutti attenti": lo ha detto in serata il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero.

19.55 - Prosegue l'occupazione del Municipio
Il Municipio di Rosarno resterà occupato dai cittadini di Rosarno: è quanto ha deciso l'assemblea, che è ancora in corso davanti al municipio di Rosarno. Una delegazione era andata a incontrare i commissari prefettizi del Comune e anche il Prefetto di Reggio Calabria, arrivato per presiedere il Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza.

19.51 - Napolitano: "Fermare ogni violenza"
Occorre ''fermare senza indugio ogni violenza", ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che segue con attenzione l'evolversi della situazione a Rosarno.

19.25 - Manganelli invia contingente polizia
Un "consistente contingente di uomini delle forze di polizia, per assicurare il miglior controllo del territorio e garantire serenità a tutta la popolazione presente", si sta dirigendo a Rosarno su disposizione del capo della Polizia, Antonio Manganelli, sentito il ministro dell'Interno Roberto Maroni e d'intesa con il comandante Generale dell' Arma dei Carabinieri, generale Leonardo Gallitelli.

19.10 - Feriti a sprangate altri due immigrati
Due immigrati sono stati ricoverati all'ospedale di Polissena in Calabria, feriti da spranghe e bastoni. Il ferimento è avvenuto durante scontri sulla Statale 18.

18.53 - Cittadini erigono una barricata
Un centinaio di abitanti di Rosarno, armati di bastoni e spranghe di ferro, ha tirato su una barricata sulla statale 18 all'altezza del km 474, a poche centinaia di metri dai locali dell'ex Opera Sila dove si trovano molti degli stranieri che la scorsa notte hanno dato vita agli scontri.

18.20 - Gambizzati due immigrati
Una sparatoria si è verificata a pochi chilometri dall'accampamento degli immigrati a Rosarno, nel comune di Laureana di Borrello. Due immigrati sono stati feriti alle gambe. I colpi di arma da fuoco sono stati esplosi da ignoti. I due feriti sono stati trasportati in ospedale. A darne notizia i carabinieri di Gioia Tauro.

18.09 - Continuano le proteste dei cittadini
Non è servito a placare gli animi dei cittadini di Rosarno l'esito dell'incontro che il loro comitato ha avuto con i componenti del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. Un gruppo di cittadini, dopo avere ricevuto le comunicazioni da parte di uno dei componenti il comitato, continua a stazionare davanti il Comune gridando e rivolgendo insulti alle autorità. ''Vogliamo che gli immigrati vengano cacciati - ha gridato uno dei cittadini - e non ce ne andremo da qui se non saranno adottati provvedimenti concreti e immediati''.

Polizia: difficile identificare chi ha ferito gli immigrati
Sono state avviate ma hanno scarse possibilità di successo le indagini per identificare le persone che a Rosarno hanno ferito con un fucile a pallini due immigrati, scatenando poi la reazione dei loro connazionali, con incidenti e devastazioni in tutto il paese. Secondo quanto riferito dalla Polizia, dovrebbe trattarsi di una reazione a un litigio, scatenatosi per un motivo banale, che qualche abitante del paese ha avuto con qualcuno degli stranieri. Sproporzionata la reazione. Sono scarsi gli elementi per identificare i colpevoli, anche perché gli immigrati feriti hanno fornito in questo senso scarse indicazioni. Si sa soltanto che a sparare sono state persone che erano su due auto in movimento.

17.49 - Risposte dallo Stato. - ''C'é, finalmente, una risposta dello Stato alle nostre istanze e questo è da valutare positivamente''. Lo ha detto uno dei componenti del comitato spontaneo degli abitanti di Rosarno che incontrato il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica per conoscere le decisioni prese in merito all'emergenza immigrati. ''Ci hanno chiesto collaborazione, - è stato aggiunto - e noi siamo pronti a darla".

17.05 - Incontro prefetto-cittadini in corso
Un incontro tra una delegazione di cittadini di Rosarno, organizzati in comitato, ed i componenti del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza è in corso da alcuni minuti nella sede della cittadina calabrese. 

17.01 - Don De Masi: "Spari, spedizione punitiva"
"Il ferimento degli immigrati è stato un episodio bruttissimo. Dal mio punto di vista non è stata una ragazzata ma voleva essere una azione punitiva". Lo ha detto il vicario generale della Diocesi di Oppido-Palmi e referente di Libera della Calabria, Don Pino De Masi. Poi ha aggiunto: "non si possono far vivere le persone come animali e pensare che non si ribellino. Qui è in corso una vera emergenza sociale".

17.01 - Il prefetto: "Allentare la tensione"
"E' una situazione di emergenza che va gestita con calma rasserenando il clima. Ci sono decisioni da eseguire ma occorre allentare la tensione". Lo ha detto il prefetto Varratta al termine della riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza svoltosi nella sede del Comune di Rosarno. "Facciano lavorare la task-force costituita su input del ministro Maroni - ha detto Varratta - e una soluzione si troverà. Mi affido al buonsenso dei cittadini e al loro senso di responsabilità".

16.50 - Sette gli immigrati arrestati
Sono sette gli immigrati arrestati complessivamente a Rosarno. Ai quattro immigrati arrestati dai carabinieri se ne aggiungono tre catturati dalla Polizia. Le accuse sono di devastazione, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale.

16.52 - Ferite 32 persone: 14 immigrati e 18 tra forze dell'ordine
Sono 14 gli immigrati feriti negli incidenti e 18 i feriti tra le forze di polizia impegnate nei servizi di ordine pubblico.

16.50 - Prefetto: "Non sgombereremo nessuno con la forza"
Non ci sarà, almeno nelle prossime ore, uno sgombero forzato degli immigrati che abitano le strutture fatiscenti alla periferia di Rosarno. Lo ha detto il prefetto di Reggio Calabria, Luigi Varratta, al termine del comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza. "Con la forza non sgombereremo nessuno - ha assicurato il prefetto - le persone saranno sottoposte a controlli e poi saranno adottati i provvedimenti previsti dalla legge".  Il prefetto, inoltre, ha garantito che i controlli non riguarderanno solo gli extracomunitari ma anche i datori di lavoro che li sfruttano.

16.45 - Prefetto: "Potenzieremo forze ordine"
Il prefetto Varratta ha reso noto che saranno incrementati gli uomini delle forze dell'ordine preposti all'ordine pubblico a Rosarno, annunciando l'arrivo di 100 unità.

16.33 - Denunciato l'uomo che ha sparato
E' stato denunciato in stato di libertà l'uomo di Rosarno che ha sparato in aria alcuni colpi di fucile a scopo intimidatorio al passaggio davanti a casa sua di un gruppo di immigrati diretti nel centro del paese. Il reato ipotizzato è di spari in luogo pubblico. L'arma risulta legalmente detenuta.

16.21 - Sei arresti: quattro sono immigrati
I carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno arrestato sei persone nell'ambito delle indagini sugli incidenti a Rosarno. Quattro degli arrestati sono immigrati, tre ghanesi e un ivoriano, che hanno lanciato pietre e si sono resi responsabili di aggressioni contro carabinieri. E' stata inoltre arrestata una persona che con una ruspa ha tentato di investire un immigrato e un altro abitante di Rosarno che ha tentato la medesima azione con la sua automobile.

14.35 - Niente incontri degli abitanti con il prefetto, continua il blocco stradale
Non c'è stato il preannunciato incontro tra il commissario prefettizio del Comune di Rosarno e la delegazione degli abitanti che stanno attuando il blocco stradale lungo la Statale 18. Secondo quanto ha riferito lo stesso commissario, la delegazione ha rinunciato decidendo di mantenere, almeno per il momento, il blocco stradale. Proseguono intanto le iniziative di Bagnato per ricomporre la situazione nel paese e fare sospendere le proteste da parte degli abitanti.

13.59 - Il commissario: il ferimento di ieri non significa razzismo
"Il ferimento accaduto ieri di due immigrati non è riconducibile a razzismo", ha detto ancora il commissario prefettizio Bagnato, che si accinge a incontrare una delegazione degli abitanti che protestano per la presenza di immigrati in paese. "Si è trattato in realtà di un atto provocatorio e delinquenziale di alcune persone che ha provocato una reazione violenta da parte degli immigrati, con devastazioni e distruzioni. Per quanto ci riguarda siamo molto attenti e vigili su quel che accade nel territorio".

13.18 - Abitanti occupano il Municipio
Mentre prosegue il blocco della Statale 16, alcune decine di abitanti di Rosarno stanno occupando il Municipio per protestare contro la presenza degli immigrati e chiedere che vengano mandati via. La gente ha chiesto di incontrare il commissario prefettizio per esprimergli la volontà comune: che si attivi immediatamente per fare allontanare gli immigrati.

12.49 - Via a una task force del ministero
E' stata costituita una task force guidata dal ministero dell'Interno, del Welfare e della Regione Calabria. E' stato deciso al termine di una riunione convocata al Viminale dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni.

12.40 - Auto bruciate, case danneggiate a Rosarno
E' un paesaggio da guerriglia urbana quello che si presenta lungo la strada che dal centro di Rosarno conduce al centro ricovero ospitato nell'ex Esac. Secondo quanto hanno riferito alcuni abitanti, gli immigrati, mentre si recavano nel centro del paese, si sono abbandonati ad atti di vandalismo danneggiando tutto ciò che trovavano lungo la loro strada. Ci sono alcune auto distrutte da incendi, cassonetti ribaltati, rifiuti bruciati sparsi lungo la strada. Sono visibili i danni provocati dal lancio di pietre su alcune finestre.

Nelle prossime pagine trovi tutte le altre notizi in tempo reale di Rosarno

Ultimo aggiornamento ore 23:46


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca