TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

15/12/2009

Semilibertà Izzo,Italia condannata

Corte Ue: violati diritti delle vittime

La Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo ha condannato l'Italia per aver dato la semilibertà al mostro del Circeo, Angelo Izzo. Con questo provvedimento, concesso nel 2004, le autorità italiane hanno violato il diritto alla vita di Maria Carmela Linciano e Valentina Maiorano, uccise da Izzo nel 2005 proprio mentre godeva di questo beneficio.

(Angelo Izzo - ansa)

La Corte ha anche stabilito che l'Italia dovrà risarcire i familiari delle vittime con 45mila euro per danni morali. Le due donne uccise erano la moglie e la figlia di Giovanni Maiorano, un esponente della criminalità pugliese che Izzo aveva conosciuto in carcere.

I motivi della condanna
La Corte ha preso la sua decisione in seguito al ricorso della famiglia Maiorano, riscontrando una doppia infrazione dell'articolo 2 della Convenzione europea dei Diritti dell'Uomo: emerge infatti "violazione del diritto alla vita" delle due donne, uccise dal mostro del Circeo il 28 aprile del 2005. I giudici europei hanno condannato l'Italia per la responsabilità di quei magistrati che non revocarono a Izzo il regime di semilibertà, nonostante fossero consapevoli della sua pericolosità sociale, permettendogli così di uccidere le due donne.

La violazione è stata di natura materiale ed è stata messa in atto dai giudici di Palermo. La semilibertà era stata concessa anche se Izzo aveva infranto determinate regole sulla sorveglianza. Risulta anche una violazione della Convenzione da parte dei giudici di Campobasso, che non misero al corrente il tribunale di sorveglianza del comportamento contrario al regime di semilibertà mostrato da Izzo. Sul piano procedurale, la Corte ha rilevato che contro i giudici di Palermo vi fu una procedura disciplinare, ma nessuna sanzione amministrativa e che un'azione intentata dalla famiglia Maiorano contro i giudici di Campobasso fu archiviata.

Parla il legale della famiglia Maiorano
"A nome dei familiari Maiorano che assisto esprimo massima soddisfazione sul piano professionale e umano per la giusta conclusione di una dolorosissima vicenda che ha trovato definitivo sigillo anche in sede europea". Così l'avvocato Stefano Chiriatti, che aveva presentato il ricorso, commenta la decisione della Corte di Strasburgo. Chiriatti difende i famigliari delle vittime e ha seguito tutte le vicende processuali seguite al duplice omicidio fino a presentare ricorso alla Corte di Strasburgo.

L'Italia ha tempo tre mesi per fare ricorso e arrivare alla Grande Chambre.

Ultimo aggiornamento ore 12:57


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca