TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

14/11/2009

Cucchi,agente accusato:quali botte?

"A Stefano abbiamo offerto il caffè"

"Ma quali botte e quale pestaggio? A quel ragazzo abbiamo offerto anche il caffè, una sigaretta". Il riferimento è a Stefano Cucchi e a parlare è Nicola Minichini, uno dei tre agenti della polizia penitenziaria indagati con l'accusa di omicidio preterintenzionale dalla Procura di Roma. "Stava male - continua - e abbiamo chiamato il medico. Noi lo abbiamo preso in consegna e poi lo abbiamo dato alla scorta".

L'agente continua così il racconto: "Dopo l'udienza, se l'era presa con i carabinieri che lo avevano arrestato". E affida queste parole al suo legale, l'avvocato Diego Perugini.

Minichini, originario di Pomigliano d'Arco, in provincia di Napoli, è da circa 20 anni in servizio alle camere di sicurezza del Tribunale a Piazzale Clodio e respinge le accuse formulate dalla Procura.

"Se c'è qualcuno che intende piantare chiodi e cercare un capro espiatorio, ha sbagliato, si scelga un'altra croce - dice il suo legale - E' fin troppo facile sbattere il mostro in prima pagina come è stato fatto per il mio assistito e i suoi colleghi. Questa vicenda è ancora all'inizio e si dovranno verificare molte cose: tanti particolari non tornano a cominciare dalle cause della morte di Stefano, al suo ricovero in ospedale. Ci sono molte zone di ombra a cominciare dal fatto che si è dato credito a un presunto 'supertestimone', alle parole di uno spacciatore nonché immigrato clandestino".

Nel frattempo il supertestimone, S.Y., è stato scarcerato e, secondo quanto appreso da fonti giudiziarie, ora l'immigrato afircano, che era detenuto a Regina Coeli, è stato affidato a una comunità di tossicodipendenti, dove si trova agli arresti domiciliari. L'uomo era senza fissa dimora.

La scarcerazione sarebbe stata adottata anche per il timore che l'immigrato, perdurando la detenzione a Regina Coeli, come scrivono i pm Vincenzo Barba e Maria Francesca Loy negli avvisi di garanzia consegnati agli agenti della penitenziaria accusati di omicidio preterintenzionale, poteva "subire pressioni psicologiche finalizzate alla ritrattazione ovvero al mutamento delle precedenti dichiarazioni".

La testimonianza di S.Y. sarà assunta in incidente probatorio la prossima settimana. L'immigrato ha riferito di aver "udito e visto appartenenti alla polizia penitenziaria in divisa colpire Cucchi, nonchè raccolto le sue confidenze durante il tragitto dal Tribunale a Regina Coeli".

Ultimo aggiornamento ore 19:50


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca