TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

12/11/2009

"Botte in tribunale? Che orrore"

Non può crederci il presidente De Fiore

"Il pestaggio in tribunale di Stefano Cucchi aggiungerebbe orrore all'orrore". E' esterrefatto, il presidente del Tribunale di Roma Paolo De Fiore, all'idea che l'ipotesi possa corrispondere alla verità. A riferire le sue dichiarazioni è il "Messaggero", secondo cui De Fiore non riesce a credere che all'interno del Palazzo di giustizia possa essersi verificato un fatto simile.

De Fiore ha voluto andare con i familiari di Stefano nei sotterranei, dove la mattina del 16 ottobre Cucchi, in attesa del processo, secondo la testimonianza di un detenuto sarebbe stato pestato. Insieme con il presidente c'erano il padre di Stefano, Giovanni, la sorella Ilaria e il senatore dell'Italia dei Valori, Stefano Pedica. "Auspico che possa essere creata una struttura ad hoc, per verificare le condizioni dei detenuti in entrata e in uscita dagli uffici di piazzale Clodio", ha detto De Fiore. Che, a tu per tu con i familiari, dice di essere vicino al dolore della famiglia.

E' stata Ilaria a chiedere al presidente di conoscere i modi in cui si verifica il passaggio di custodia dei detenuti tra carabinieri e agenti di polizia penitenziaria. In particolare, Ilaria voleva sapere "di chi era il compito di accompagnare mio fratello in bango prima dell'udienza". Il testimone infatti ha detto che Stefano è stato pestato quando voleva andare in bagno.

Ad arrivare fino alle camere di sicurezza è stato soltanto il senatore Pedica. Papà e sorella non sono arrivati fin là. Ed è lo stesso Pedica a descrivere la disposizione delle celle. "Quindici, disposte in fila su un solo lato, lungo uno sretto corridoio, non più di un metro e mezzo di larghezza. Di fronte, solo un muro bianco. All'interno delle celle, circa tre metri per tre, ci sono due panche, sulle quali possono sedere circa 12, forse 15 persone. Nelle celle, non ci sono finestre, ma su ogni porta uno spioncino quadrato, di circa 30 centimetri, che si può aprire solo dall'esterno".

Ultimo aggiornamento ore 15:21


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca