TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

11/11/2009

Cucchi, "picchiato in tribunale"

Testimonianza di un detenuto al pm

Stefano Cucchi sarebbe stato picchiato da almeno due agenti di polizia penitenziaria mentre era nella cella del palazzo di Giustizia di Roma, in attesa del suo processo per direttissima. E' la testimonianza, secondo quanto riferiscono alcuni quotidiani, resa ai magistrati da un immigrato clandestino di 31 anni, arrestato il 15 ottobre per stupefacenti. Sarebbe lui il testimone che il 3 novembre ha raccontato al pm il pestaggio del giovane.

(Ansa)

Secondo il racconto dell'avvocato di S.Y., Francesco Olivieri, il 16 ottobre il suo assistito è in una delle celle del palazzo di Giustizia, in attesa del processo. Di fronte alla sua c'è quella in cui viene rinchiuso Cucchi. E' attraverso lo spioncino della sua cella che "in tarda mattinata" S.Y., allarmato dalle "grida" che sente, si affaccia e vede due agenti di polizia penitenziaria picchiare Cucchi che, uscito di cella per andare in bagno, non voleva più tornare in camera di sicurezza.

Secondo il racconto del detenuto, che si trova al Regina Coeli, Cucchi sarebbe stato colpito prima con due manrovesci che l'hanno gettato in terra, poi preso a calci mentre era steso sul pavimento. Infine trascinato in cella dagli agenti.

Dopo i processi per direttissima, S.Y. e Stefano Cucchi vengono sistemati nella stessa cella. Qui, S.Y. avrebbe visto i lividi che gonfiano il volto di Cucchi. Infine, entrambi vengono portati al Regina Coeli, i polsi legati con le stesse manette. E' in questo momento, sempre secondo quanto riferisce l'avvocato Olivieri, che Cucchi sussurra a S.Y.: "Hai visto questi bastardi come mi hanno ridotto?".

La procura dispone la riesumazione: "2-3 gli indagati"
I pubblici ministeri Maria Francesca Loy e Vincenzo Barba, d'intesa con il procuratore capo Giovanni Ferrara hanno disposto la riesumazione di Cucchi accogliendo una richiesta dei legali della famiglia. Si dovranno svolgere tutta una serie di esami e riscontri clinici per dare ulteriori riscontri all'ipotesi che Cucchi sia stato oggetto di un pestaggio, quando era già stato arrestato. "Si indaga su 2-3 persone, per omicidio preterintenzionale. Bisogna attendere i risultati definitivi degli accertamenti medico-legali prima di procedere. Non bisogna fare confusione in questo momento. E' una fase delicata". Così una autorevole fonte di piazzale Clodio ha detto rispetto allo stato dell'inchiesta.

Giovanardi: "Chiedo scusa alla famiglia"
"Quando ci sono dei fraintendimenti, soprattutto se offendono la sensibilità di una famiglia, è giusto chiedere scusa". Lo ha detto il sottosegretario Carlo Giovanardi a proposito della morte di Stefano Cucchi, rispondendo alla domanda se volesse chiedere scusa alla famiglia. "Tengo a ribadire che è un fatto gravissimo, intollerabile, che per cinque giorni Stefano non sia stato curato. E' entrato in ospedale che pesava 43 chili ed è uscito che ne pesava 36. Non è stato nutrito", ha aggiunto.

Il sindacato di polizia penitenziaria: impossibile che qualcuno abbia visto
Ma sulla vicenda, e contro la testimonianza dell'immigrato, è intervenuto il sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe. A parlare è stato Donato Capece, segretario generale, spiegando che è impossibile che l'uomo abbia visto quanto dice perchè le celle sono posizionate in modo che quanto accade fuori sia invisibile a chi è all'interno. "Abbiamo la consapevolezza che a Piazzale Clodio la Polizia Penitenziaria ha lavorato come sempre nel pieno rispetto delle leggi. E dopo quello che abbiamo visto e sentito oggi ne siamo sempre più convinti", ha detto visitando con una delegazione il reparto di polizia penitenziaria che opera nelle celle del Palazzo di Giustizia di piazzale Clodio a Roma. "Abbiamo avuto modo di parlare con tutto il personale, al quale abbiamo voluto esprimere la piena vicinanza del Sappe, e sono emerse fatti importanti come, ad esempio, quello che smentisce il detenuto che dice di avere visto dalla cella di fronte il presunto pestaggio di Cucchi. Non è possibile, perché tutte le 15 celle di piazzale Clodio sono posizione su un solo lato e non ne hanno altre di fronte".

Fu la polizia a chiamare il medico per Cucchi
"E' emerso anche che la mattina in cui era presente Stefano Cucchi, che stazionava nella medesima cella con altri 3 detenuti stranieri, c'erano lì almeno altre 70/80 persone, tra arrestati e appartenenti alle varie Forze di Polizia che avevano operato gli arresti - continua Capece. "E ancora: una volta conclusa l'udienza di convalida, alla quale Stefano Cucchi ha presenziato accompagnato dai Carabinieri che lo arrestarono, è stato un nostro assistente di polizia penitenziaria a chiamare il medico del primo soccorso del Palazzo di Giustizia perché Stefano accusava dei dolori ma poi è stato Cucchi stesso a non volersi fare visitare".

Ultimo aggiornamento ore 18:51


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca