TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

10/9/2009

Bergamo, rimossa targa Impastato

Decisione di un sindaco leghista

Il nuovo sindaco leghista di Ponteranica, piccolo centro in provincia di Bergamo, ha fatto rimuovere dalla biblioteca comunale la targa celebrativa dedicata a Peppino Impastato, giovane siciliano ucciso dalla mafia nel 1978. L'iniziativa è stata motivata da Cristiano Aldegani con la volontà di onorare personalità locali e ha subito suscitato la reazione del Pd e dell'associazione antimafia Libera. Il fratello della vittima. "Gesto indegno"

"Sono polemiche pretestuose - ribatte il primo cittadino  Cristiano Aldegani - fatte da persone in malafede. C'è addirittura chi mi accusa di essere pro-mafia, è assurdo".

La rimozione della targa è "sconcertante", commenta Pina Picierno, responsabile legalità del Partito Democratico. A suo parere la Lega "fa politica con paraocchi ideologico". Una politica che, a suo parere, è "intrisa di ideologia e di interessi localistici, che dividono e indeboliscono il Paese. Negare la memoria di un giovane ucciso dalla mafia non trova giustificazioni". "La storia del nostro Paese - continua Picierno - e quella delle mafie e delle sue vittime innocenti non appartiene a una parte del Paese né a uno schieramento politico. La Lega, che è il partito del ministro degli Interni Maroni e una componente essenziale della maggioranza, si assuma le proprie responsabilità e sia coerente. Sostenga quindi l'impegno delle istituzioni contro tutte le mafie anche e soprattutto laddove rappresenta le istituzioni locali".

Al suo posto un sacerdote locale
Il sindaco precisa che l'iniziativa della giunta "non ha alcuna motivazione diversa" da quella di valorizzare personalità locali, come il sacerdote sacramentino Giancarlo Baggi, al quale sarà presto ridedicata la biblioteca. A fine giugno, dieci giorni dopo le elezioni, c'era stato anche un incontro, che Aldegani definisce "cordialissimo", con i rappresentanti locali di Libera. In quell'occasione era emersa anche la proposta di un'eventuale manifestazione "riparatoria" dedicata a Impastato, ma oggi, pur "non precludendo niente", il sindaco ricorda che prima di riproporla dovrebbe sentire "la volontà della giunta e della maggioranza".

E sulle polemiche suscitate dal suo gesto, Aldegani spiega al quotidiano online BergamoNews: "Fa parte del gioco, anche la Lega è stata tanti anni all'opposizione, sappiamo cosa vuol dire essere dall'altra parte della barricata. Ma con tutti i problemi che abbiamo non possiamo stare a perderci in queste piccolezze".

Il fratello di Peppino Impastato: "Una cosa indegna"
La rimozione della targa è una "cosa indegna". Lo dice all'agenzia radiofonica Econews Giovanni Impastato, il fratello di Peppino. "Nella scelta del sindaco di Ponteranica - afferma - leggo solo razzismo. Io gli dico 'caro sindaco, lei non ha rispetto della dignità umana, questo è un gesto incivile'". "Al più presto - annuncia - faremo una iniziativa. A parole si dice che si vuole combattere la mafia, ma da questi fatti si capisce che di chi ha combattuto la mafia non ci frega nulla".

Ultimo aggiornamento ore 18:50


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark

Invia un commento


COMMENTI

12/09/09

AntonioPc

ma smettiamola con questa polemica... siciliani: se attualmente abbiamo questo governo e anche grazie a voi! quindi per favore, mi spiace per l'eroe Impastato, ma fatevi anche un esame di coscienza, avete voluto la bicicletta, ora pedalate!
12/09/09

ciccio

ma il figlio di bossi come portaborse di maroni al parlamento europeo, a 12.000 euro di stipendio, lo vogliamo commentare.... che schifo
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca