TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

23/7/2008

Strage San Miniato, due le lapidi

Uno studio rivela che non fu nazista

Due lapidi diverse per ricordare lo stesso fatto: la strage del Duomo di San Miniato (Pisa) del 22 luglio 1944. La prima, posta nel 1954, imputa ai tedeschi il lancio della granata che uccise 55 sanminiatesi. L'altra, scoperta dalle autorità locali, chiarisce la paternità della granata che, secondo gli studi di una commissione di esperti, sarebbe da attribuire a una pattuglia americana che quella mattina bombardava San Miniato con i mortai.

"Questa lapide ricorda nei secoli il gelido eccidio perpetuato dai tedeschi il 22 luglio 1944" si legge in testa alla lapide che da 54 anni, sul palazzo del Comune, ricorda la strage del Duomo. Accanto a questa ora c'è la targa con il testo scritto da Oscar Luigi Scalfaro, presidente onorario dell'Associazione per la storia e la memoria della Repubblica, di cui è socio il Comune di San Miniato.

"Sono passati più di 60 anni dallo spaventoso eccidio del 22 luglio 1944 attribuito ai tedeschi. La ricerca storica ha accertato che la responsabilità di quell'eccidio è delle forze armate alleate. La verità deve essere rispettata e dichiarata sempre. E' anche verità che i tedeschi, responsabili della guerra e delle ignobili e inique rappresaglie con la complicità dei repubblichini, proprio in questa terra avevano seminato distruzioni, tragedie e morte. E' la guerra. Proprio per questo la Costituzione italiana proclama l'articolo 11, l'Italia ripudia la guerra".  

La paternità della strage venne messa in dubbio in un libro di Paolo Paoletti "1944 San Miniato", in cui si ricostruivano i fatti e si dimostrava che non potevano essere stati i tedeschi dalla loro postazione a lanciare la granata che causò la morte di 55 persone. 

Partendo da questo, nel 2001, il Comune di San Miniato aveva istituito una commissione di studio con tre storici che hanno poi pubblicato i risultati del lavoro e decretato che a causare la morte dei sanminiatesi erano stati gli americani. 

Piero Pellicini, ex senatore ed esponente dell'opposizione di centro destra del consiglio comunale di San Miniato si è detto contento del riconoscimento dei fatti storici, ma ha criticato la citazione di Scalfaro sui Repubblichini che, secondo lui, "tiene aperti i fossati", assicurando anche che, qualora il centrodestra prendesse la maggioranza a San Miniato, farebbe togliere subito la prima lapide, perché "si tratta di un falso storico".

IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true