ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
26/3/2007

Ex Nar Soderini sparisce col figlio

Giudice aveva affidato bimbo a moglie

Stefano Soderini, romano, tra i fondatori dei Nar, i Nuclei Armati Rivoluzionari di Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, è sparito dalla primavera scorsa col figlio di 8 anni. Lo rivela "La Stampa". Secondo il quotidiano l'ex terrorista potrebbe essersi rifugiato col bambino in Guatemala. Soderini si è eclissato dopo che la decisione del tribunale dei minori di affidare il figlio alla moglie ungherese, che vive a Roma.

L'uomo che, dopo il passato burrascoso, aveva vissuto nell'anonimato e sotto una falsa identità, evidentemente aveva accolto molto male la decisione della magistratura. "Adora il bambino, tra loro c'è sempre stato un rapporto speciale, di amore e complicità. Padre e figlio, inseparabili. Stefano non ha mai voluto accettare il provvedimento del tribunale di Roma" ha dichiarato un amico al quotidiano.

Così, di fronte alla prospettiva di perderlo e lasciarlo alla ex e al nuovo compagno a Roma, ha architettato un piano di fuga, forse in Guatemala, paese in cui, peraltro, non è prevista l'estradizione in Italia.

Una vita riservata
L'ex Nar si era stabilito in Piemonte, a Exilles. Lavorava come tecnico in alcuni cantieri in Valle di Susa per un'impresa laziale. Uno a Salbertrand, per l'autostrada del Frejus. Utilizzava, per ragioni di sicurezza, un'altra identità e nessuno tra i colleghi sapeva di avere contatti con l'ideologo dello 'spontaneismo armato'.

Il passato a Budapest
Inizialmente, i conoscenti avevano pensato che si fosse diretto a Budapest. Poco tempo prima della fuga l'ex Nar avrebbe ritirato somme di denaro da banche italiane e ungheresi. Nella capitale ungherese, l'ex terrorista aveva vissuto negli Anni Novanta, dopo essere uscito di prigione, per lavorare in una società di edilizia e investimenti. E lì Soderini aveva mantenuto contatti. Poi sono state ritrovate tracce di un'altra pista. 

I due biglietti per il Guatemala
Gli agenti dell'Antiterrorismo di Torino sapevano dove si trovava, nonostante fosse ormai un ex. Poco dopo la scomparsa, in accertamenti di routine nel suo ultimo alloggio hanno trovato le copie di due biglietti aerei per Città del Guatemala, destinazione l'aeroporto internazionale L'Aurora, acquistati via internet, forse utilizzando documenti falsi o quelli legati alla doppia identità. Non si sa con quale nome abbiano viaggiato Soderini e il figlio, spiega il quotidiano. L'ex terrorista ha poi interrotto ogni contatto con i genitori, che vivono  a Roma, e con la madre del piccolo.

Per il capo della Digos torinese, Giuseppe Petronzi, la polizia ha solamente preso atto della nuova situazione, ma Soderini non è più indagato per reati legati al terrorista. Quindi è un capitolo chiuso. "Ci spiace molto - dice un investigatore al quotidiano torinese - in questo modo rischia di perdere per sempre la possibilità di rientrare in Italia col suo bambino (il Guatemala non ha un accordo di estradizione con l'Italia n.d.r.). Non sappiamo che intenzioni abbia, magari si decidesse a tornare. C'e' ancora una soluzione per tutto. Ma ora dipende solo da lui".

"Lui non aveva mai schiacciato il grilletto, non aveva mai ucciso nessuno - dicono oggi gli amici, da mesi in attesa di notizie - si era sempre assunto le sue responsabilità, senza rinnegare le sue idee. Ci basterebbe un segno, sapere che stanno bene tutti e due. Questo silenzio è angosciante. E poi temiamo che il tribunale, a questo punto, chiuda ogni porta per una soluzione pacifica della contesa tra i genitori".

IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true