ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
17/6/2006

John Woodcock, il pm del "Vip-gate"

Inglese, con accento napoletano

Il nome del sostituto procuratore Henry John Woodcock si lega a numerose inchieste che hanno coinvolto colleghi magistrati, alti ufficiali delle forze dell'ordine, ministri e parlamentari. E molti vip. Diversi fascicoli non sono più rimasti a Potenza e per "competenza territoriale" sono stati trasferiti presso altre procure e sono approdati a rinvii a giudizio e condanne per chi era stato iscritto sul registro degli indagati da questo pm di neanche 40anni, con una toga sulle spalle dal 1997.

Le 13 ordinanze di custodie cautelare eseguite dagli uomini della polizia giudiziaria di Potenza sono però, sicuramente, il punto più alto di riconoscibilità per il magistrato nato in Inghilterra, figlio di un docente dell' Accademia navale di Livorno. Anche se "purtroppo" come si ammette dagli uffici di via Nazario Sauro, più volte il lavoro di Woodcock ha portato sulle prime pagine dei giornali la città della Basilicata.

Il ricordo va al dicembre del 2003 quando vennero indagate, a vario titolo 76 persone, con ipotesi di reato che vanno dall'associazione a delinquere per la turbativa di appalti per servizi di pulizia in enti pubblici, alla turbativa semplice, alla corruzione, all'estorsione ed altri reati.

Ed è subito "Vip-Gate", con accuse per Sergio D'Antoni, Ernesto Marzano (fratello dell'ex ministro delle Attività Produttive), Umberto Vattani (già ambasciatore italiano presso la Ue), Anna La Rosa (conduttrice della trasmissione Telecamere). In un filone della stessa indagine il pm arriva a chiedere gli arresti, fra gli altri, di Elio Cesari (meglio conosciuto come Tony Renis, ndr) o di un collaboratore di Giulio Tremonti, come Renzo Mingolla, sino a Giulio Gargano e Vincenzo Baldassarre. Nell'inchiesta viene arrestato il direttore generale dell'Inail, Alberigo Ricciotti.

Nelle more erano stati chiamati in causa un generale dei carabinieri, il vice-presidente della Giunta regionale della Basilicata (poi rimessi in libertà dal Tribunale del riesame), un componente del consiglio di amministrazione del Banco di Sardegna, un alto ufficiale della Guardia di Finanza e vari imprenditori. Francesco Storace, allora presidente della regione Lazio, con una battuta liquidò: "Se non stai in un'inchiesta di Woodcock non conti niente".

Il riferimento era anche al numero sempre più alto di vip tirati dentro diverse storie di tangenti. Da Flavio Briatore a molte starlette della tv hanno dovuto nominare un legale, e spiegare il perché‚ di questa o quella intercettazione. Per le carte provenienti da Potenza, i pm di Roma hanno chiesto il rinvio a giudizio dell'ex sondaggista Gianni Pilo e ottenuto quello di Vattani. Gli atti inviati al tribunale dei ministri sono spesso arrivati ad archiviazione.

CHI E' JOHN WOODCOCK
Ha circa 40 anni ed è in magistratura dal 1997, Henry John Woodcock, il sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Potenza che ha coordinato l' inchiesta che ha portato all' esecuzione di 13 ordinanze di custodia cautelare, una delle quali a carico del principe Vittorio Emanuele di Savoia. Nato in Inghilterra, Woodcock è figlio di un docente dell' Accademia navale di Livorno, mentre la madre è originaria di Napoli: nei primi tempi dopo il suo arrivo a Potenza, la presenza nel capoluogo lucano di un magistrato con un nome indubbiamente anglosassone ma con un accento indubbiamente napoletano era considerata una vera particolarità.

Dopo aver superato il concorso in magistratura, Woodcock è stato uditore a Napoli con due magistrati molto noti non soltanto nell' ambiente partenopeo: Arcibaldo Miller, che ha coordinato importanti inchieste sul filone napoletano di "Mani pulite", e Paola Mastroberardino, che ha guidato la prima grande inchiesta in Italia sulla pedofilia. Sposato con un magistrato in servizio a Lucera (Foggia), Woodcock ha la passione dei cani di razza pastore tedesco. Il suo si chiama "Sally".

IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true