ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità
5/5/2005

Izzo, "La società mi deve aiutare"

Ecco il primo capitolo del suo libro

Questo il primo capitolo del manoscritto di "The Mob - La banda dei pariolini", l'autobiografia che Angelo Izzo sta scrivendo con Giuseppe Pittà "The Mob" in inglese significa anche banda criminale e, sotto, tra parentesi, "La Banda dei Pariolini". Poi:

"Questo libro e' dedicato a Danilo Abbruciati, Gialuigi Esposito, Valerio Viccei, Alberto Spaggiari, Pasquale e Rolando Battistini. Per loro le parole che il termidoriano Lacointre rivolse a Saint'Just e Robespierre quando furono assassinati, pensando di insultarli: 'Essi morirono come vissero, senza temere il fato'. Questo e' un romanzo quindi ogni riferimento a fatti e personaggi realmente esistiti o esistenti e' puramente casuale. Se qualcuno si ostina a volersi riconoscere si tranquillizzi: gli autori non faranno il suo vero nome neanche sotto tortura. Ai pochi personaggi reali gli autori hanno attribuito discorsi o esistenze di pura invenzione".

Segue l'elenco con i titoli dei 21 capitoli: "L'inizio", "L'uovo del drago", "A Marsiglia", "Primo Sangue", "Scatenati", "El lobo", "I ragazzi della strategia della tensione", "Apogeo e decadenza", "I titoli indonesiani", "San Crispino", "Il massacro di Fregene", "All'ergastolo", "Nell'Italia dei misteri", "Il Jokey e' tornato", "La dissociazione", "I pescecani nell'acquario", "Amore e liberta"', "Morire per Zagabria", "La latitanza", "All'inferno", "Seppellite il mio cuore".

Poi il testo:

"Carcere di Campobasso 2000".
"E' notte, sto aspettando in questi giorni risposta alle mie istanze di semi-liberta' e 'permessi', per poter uscire dal carcere dove ho scontato 25 anni. Il mio passato e' stato un susseguirsi di errori, tragedie e fallimenti ed in questo modo ho distrutto non solo la mia vita, ma anche quella di quanti hanno gravitato nella mia sfera affettiva. Le mie scelte sono state spesso folli e sciagurate dettate da motivazioni tutt'altro che nobili, tanto che oggi non posso che provarne incredulita' e vergogna.

La societa' per questa ragione mi ha punito ed emarginato in modo impietoso, infliggendomi l'ergastolo all'eta' di ventidue anni: e' stato giusto cosi'. Ma ora sento di aver 'pagato' il mio debito. La societa' dovrebbe tendermi una mano incentivare questo mio faticoso e non facile percorso di reinserimento. Le istituzioni dovrebbero prendere atto con soddisfazione che il carcere mi ha consentito di guardarmi dentro ed in profondita' per poi capirmi ed operare quei cambiamenti che tale istituzione e' preposta a incentivare e realizzare. Ma chissa' i giudici di sorveglianza di Campobasso come la penseranno, chissa' come valuteranno le fredde carte che in modo burocratico riducono la mia vita ad una serie interminabile di reati... sono comunque al termine di quella parte della mia avventura terrena, stavolta sono stanco.

Sono stanco da quella sera del 1993, d'estate da quando mi hanno arrestato a Parigi. C'e' in me una silenziosa disperazione da quando gli specialisti dell'anti-gang della Suretè mi sono saltati addosso, mi hanno disarmato e mi hanno sbattuto a terra. Mi erano addosso in tre, in quattro, e sembrava pesassero direttamente sul mio cuore. Ero sul marciapiede di rue Saint Lazare e mi riempivo gli occhi della mia Montmartre, che non e' quella della tiepida mattinata di sole ai tavolini dei bar o dei cabaret o dei night per turisti, ma il quartiere notturno brulicante di umanita' di tutte le razze chiassoso e frenetico, che si stende ai piedi del Sacre-Coeur a ridosso del muraglione insanguinato degli ultimi fucilati della Comune. Montmartre, Pigalle, Belleville, Quartiere Latino, Montparnasse, Gambetta, Tolbiac quando vi rivedro', pensavo. Non erano le carceri della Sante' o di Fresnes che mi spaventavano, e' che non sopportavo di rientrare nel grigiore di questa vita sospesa che mi aspettava, di questi giorni tutti inutili, di queste notti senza senso. Come amavo disperatamente Parigi, la mia Parigi, la' dove c'e' la mia razza, quella dei ribelli, eterni stranieri, cantati da Villon il poeta vagabondo morto impiccato... quando, quando non avro' i ferri ai polsi... Fui ammanettato a Ferrara e trasferito a sud, piu' a sud fino a Campobasso. Non doveva cambiare molto e' il quarantesimo o il cinquantesimo carcere che mi fanno girare. Ed eccomi su una croma blindata, fra quattro guardie sudate che parlano dei prezzi che aumentano e del tempo molto mite per essere Natale, di D'Alema che al governo non riesce a cambiare le cose. Ed ecco si aprono i cancelli, questo carcere di Campobasso mi sembra una grande scatola grigia, e' un ex convento al centro della citta'.

A occhio mi appare scomodo e piccolino, noioso, ma all'interno vedo un giardino e il brigadiere che mi accoglie, un tipo baffuto e gentile sembra simpatico e umano. Tre ore e sono in sezione. Solita galera. Solita sezione per 'collaboratori di giustizia'. Siciliani, calabresi, napoletani e pugliesi, un cinese, le celle sono enormi, il tetto e' a volta. Siamo ammucchiati in tre per cella, io russo come un trattore saranno contenti i miei compagni di cella. Del resto convivere con me non e' facilissimo, ho una serie di fobie che sarebbero normali in un cinese, e non in un bianco 'occhitondi'.

Secondo me i bianchi puzzano. Odio portare le scarpe in casa o in cella, il latte nel the', i capelli neri, il ghiaccio nelle bevande, i peli del corpo, e basta un chicco di riso irregolare per farmi stare malissimo. Non capisco l'amore per gli animali, alcuni insetti mi fanno vomitare, pero' non ho paura dei topi". 

Il primo capitolo del libro di Izzo prosegue cosi':"ancora un'altra galera, ancora chiuso, in fondo nel mio cuore vuoto vorrei pensare ad altri problemi, tipo se il maiale si accoppia bene con uno Chateau Montbrian blanc del 1989 o se posso provare ad entrare al Ritz, senza cravatta... e invece mi sento disperato, calpestato. Il mio cuore e' freddo come puo' esserlo un fiordo norvegese alle tre del mattino. Noi uomini occidentali trascuriamo la vita in attesa guardando orologi e calendari, incalzando il minuto, l'ora, il giorno, la settimana e il mese e l'anno precorrendo cosi' la morte in questo spreco e insieme pregando che ci sia concesso piu' tempo. Tempo. Forse un tempo ero capace di muovermi nella vita come una forza della natura e allora nulla sembrava avesse la capacita' di abbattermi. Mi muovevo con l'idea di sapere sempre dove andare... Avevo un'aura che mi rendeva un individuo a parte, avevo un potere che nessun passo o parola spavalda o pistola o coltello o abito da quattro milioni era capace di evocare. Venti anni fa, venti chili fa... ora come un qualsiasi pezzo di merda cosa non darei, cosa non baratterei in cambio di un po' di liberta'... chissa' come finira'... tanto tempo fa gli amici per via della mia passione per i viaggi, per il mare, per l'avventura, e per la vela mi misero dei soprannomi, mi chiamavano 'Marinaio' o 'Corto Maltese'. E io come 'Corto Maltese' il personaggio di Pratt mi accorsi di non avere sul palmo della mano la linea della fortuna e allora come avevo letto fece Corto Maltese, il romantico cavaliere del mare, con un rasoio me lo procurai... chissa' se vale?".

IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true