FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Cronaca > Toscana > Costa Concordia, rotazione completata
17.9.2013

Costa Concordia, rotazione completata

La nave riportata in asse. Franco Gabrielli: "Meglio di così non poteva andare"

17:12 - La Costa Concordia è di nuovo in asse. Le operazioni di rotazione della nave sono state completate alle 4 di stamattina. Lo ha comunicato, in conferenza stampa, il capo della Protezione civile Franco Gabrielli. "Penso che meglio di così non potesse andare" ha commentato. Nick Sloane, il senior salvage master della Titan Micoperi, che ha diretto le operazioni, è sbarcato al Giglio, dove è stato accolto come una star.
Applausi per Sloane e applausi anche per Gabrielli al momento dell'annuncio della fine della complicatissima operazione. "Oggi abbiamo messo un punto decisivo per l'allontanamento della nave dall'isola del Giglio" ha detto il capo della protezione civile in una conferenza stampa iniziata con gli abbracci con i responsabili delle operazioni per Costa, Franco Porcellacchia, e Micoperi, Sergio Girorro, nel porto e al largo, suonavano le sirene delle navi.

Sloane: "Ora posso farmi una birra" - "Provo sollievo e sono un po' stanco, mi vado a fare una birra e vado a dormire. Mando un bacio a mia moglie" ha detto Sloane dopo aver lasciato la control room. "Pochi Paesi al mondo - ha continuato - avrebbero potuto mettere insieme ciò che serviva per un'operazione di queste dimensioni".

Ora si guarda già al futuro. "Ci sono molti danni sulla nave e bisogna fare un censimento" ha spiegato Sloane. "Tutto il team è molto orgoglioso di ciò che abbiamo fatto".

Gabrielli: "Mancano ancora due fasi" - "La strada non è ancora terminata, mancano due fasi importanti: la collocazione dei cassoni e il rigalleggiamento. Non saranno passeggiate". Lo ha ricordato il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi, sull'operazione raddrizzamento della Concordia.

Letta: "Abbiamo dimostrato cosa può fare l'Italia"
- "Abbiamo dimostrato a tutto il mondo cosa è in grado di fare la tecnologia italiana. E' un momento di grande orgoglio italiano". Lo ha detto il premier Enrico Letta nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi sull'operazione Concordia.

"Voltata pagina nell'immagine dell'Italia" - Con l'operazione Concordia "abbiamo voltato pagina nell'immagine pubblica del nostro Paese che, in occasione nell'incidente della nave, è stata di fuga dalla responsabilità e che è passata, ahinoi, nel resto del mondo. Invece, oggi, grazie a tutti voi, abbiamo voltato pagina", ha aggiunto il premier.

I complimenti di Alfano: "Ottimo lavoro" - "La positiva conclusione delle operazioni sulla Costa Concordia è un grande risultato, una vera e propria impresa di altissimo ingegno che, nella rievocazione del dramma, è l'ennesima prova dell'abilità, della passione e del cuore dei nostri tecnici, dei nostri volontari, dei nostri addetti al soccorso e alla sicurezza", ha detto il vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano, dopo aver "chiamato il prefetto Gabrielli".

Gabrielli: "Ingegneristica tutta italiana" - "Tutta la parte ingegneristica dell'operazione di recupero della Concordia è orgogliosamente italiana", ha detto ancora Gabrielli. "Siamo qui per sacramentare la conclusione di questa fase dell'operazione Concordia, siamo molto soddisfatti perché le sfide si sono realizzate con precisione e correttezza".

"Nei prossimi giorni la ricerca dei cadaveri" - "La ricerca dei cadaveri delle due vittime non ancora recuperate della Costa Concordia non inizierà prima di qualche giorno", ha poi aggiunto il capo della Protezione civile, sottolineando che l'attività per poter consentire le operazioni sono già iniziate. "Stiamo già studiando come intervenire - ha detto - ma la fase operativa ci sarà solo nel momento in cui verrà garantita la sicurezza dei soccorritori".

"Danno fiancata inferiore a quello temuto" - "Il danno della fiancata di dritta è importante ma inferiore a quello temuto", ha spiegato Gabrielli. "Ovviamente i tecnici - ha ribadito - dovranno studiare e approfondire il modo per collocare i cassoni che simmetricamente dovranno essere applicati come quelli già in funzione". "Nei prossimi giorni inizierà il lavoro per la fase sette di questo progetto".

Grazie ai gigliesi, che ci hanno sostenuto - "Grazie ai gigliesi con cui abbiamo condiviso sofferenze e paure", ha detto ancora il responsabile del Dipartimento della Protezione civile. "La loro presenza non è mai stata una presenza ostile ma sempre di affetto e sostegno per il raggiungimento di un obiettivo che questo territorio voleva al di sopra di tutto".
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile