FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Cronaca > Toscana > Concordia, Gabrielli: siamo nella fase finale
16.9.2013

Concordia, Gabrielli: siamo nella fase finale

Superata soglia fatidica di 24 gradi, aperti cassoni. A due anni dal naufragio le operazioni per riportare la nave da crociera in posizione verticale. Le operazioni dureranno tutta la notte

00:48 - A quasi due anni dal naufragio, la Costa Concordia sarà riportata in posizione verticale. Le operazioni, iniziate lunedì mattina, sono continuate tutta la notte. Il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli: "Siamo entrati nella fase finale della rotazione, abbiamo superato la soglia fatidica dei 24 gradi". Sono stati aperti anche i cassoni per far entrare l'acqua. Impegnati un team di 500 persone.
Il parbuckling, l'orrendo nome che sta a significare la rotazione della nave per riportarla in assetto verticale, parte alle 9 in punto: tre ore secche di ritardo sul programma originale. "Nessun problema tecnico", si affrettano a spiegare gli esperti ai giornalisti di tutto il mondo, ma solo uno slittamento dovuto al violento temporale che si è abbattuto sul Giglio.

Secondo stop - E un altro stop arriva otto ore dopo, dovuto a questioni tecniche: è stato necessario intervenire su 4 dei 36 cavi che tirano la nave, per evitare che questi potessero danneggiare gli altri. Il risultato è un posticipo della fine delle operazioni di quasi 12 ore rispetto ai tempi inizialmente previsti: non più lunedì sera ma all'alba di martedì. In dodici ore la nave ha ruotato di 13 gradi: ne serviranno altri 11 prima che gli esperti della Titan Micoperi possano aprire le valvole e riempire di acqua i cassoni, facilitando così il ritorno in asse. Sempre che le incognite, impossibili da prevedere fino in fondo in un'operazione mai realizzata, siano finite. "Andremo avanti ad oltranza per tutta la notte - conferma il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli -. Abbiamo una tempistica dilatata e probabilmente termineremo all'alba".

Reporter da tutto il mondo - A seguire ogni istante della lenta risalita della Concordia c'è il mondo intero: giornalisti dalla Corea al Giappone, dirette non stop sui canali all news e sui siti internet, milioni di tweet. Tutti hanno al collo un badge: quello rosso indica la possibilità di accedere alla "decision room". Poi c'è quello che consente l'accesso a tutte le zone in cui è stata divisa l'isola, quello per lo staff - i tecnici che in questi mesi hanno lavorato per preparare l'operazione, quello per i media. Ed anche uno per i residenti.




"Le cose stanno andando come pensavamo e abbiamo segnali molto confortanti. Per il momento verifichiamo che c'è una corrispondenza tra la realtà e il progetto", ha ripetuto per tutto il giorno ai giornalisti Gabrielli.

Gabrielli: "Nessun ritrovamento corpi di dispersi" - Per adesso non ci sono stati sversamenti in mare dell'acqua contenuta nel relitto della Costa Concordia, che potrebbe provocare problemi di carattere ambientale. La mancanza di sversamenti è stata confermata dal capo della Protezione Civile. A chi gli chiedeva se siano stati trovati i corpi dei due dispersi, Gabrielli ha risposto che "non c'è alcuna evidenza di corpi nella parte esterna alla nave".
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile