FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

 
Le notizie del giorno
 
 
29.9.2012

Cuba, i giornalisti italiani saranno espulsi
Ilaria Cavo: "Ci stanno portando a L'Avana"

Con lei erano stati fermati il cameraman Fabio Tricarico, il giornalista Domenico Pecile (Messaggero Veneto) e il fotoreporter Stefano Cavicchi (Corriere della Sera)

00:57 - I quattro giornalisti italiani fermati a Cuba mentre erano impegnati in un reportage sull'omicidio di Lignano, sono tornati in libertà. L'udienza per l'inviata di Videonews, Ilaria Cavo, e altri tre colleghi, si è conclusa e i quattro verranno scortati a L'Avana per essere espulsi dal Paese. Con la giornalista di Mediaset erano stati fermati l'operatore Fabio Tricarico, il cronista Domenico Pecile e il fotoreporter Stefano Cavicchi.
Ilaria Cavo: "Sono ore molto complicate"
La giornalista di Mediaset, Ilaria Cavo, ha confermato in diretta a Tgcom24 che i quattro sono in viaggio verso L'Avana, scortati da alcuni militari. "Stiamo tutti bene, sono state 24 ore molto complicate, ma siamo stati trattati in modo dignitoso", ha detto. "Ci hanno tolto i telefoni e tutto quello che avevamo, ora aspettiamo di avere i nostri passaporti per poter rientrare in Italia".

L'inviata ha riferito di essere stata sottoposta a "interrogatori a ruota" dagli inquirenti. Confermato anche il sequestro del materiale raccolto dai giornalisti a Cuba, e in particolare dell'intervista a Reiver Laborde Rico, il fratello di Lisandra accusato con la giovane di aver ucciso i due coniugi Burgato a Lignano Sabbiadoro.

Cavicchi: "Rimpatriati con il primo volo"

I quattro giornalisti italiani si stanno recando in una caserma a L'Avana dove saranno espulsi dal Paese. Lo scrive in un sms il fotoreporter del Corriere della Sera, Stefano Cavicchi. "Ci rimpatrieranno con il primo volo", ha aggiunto Cavicchi.

Pecile: "Sto bene, grazie a tutti"

Anche Domenico Pecile, il cronista del Messaggero Veneto, è riuscito a contattare telefonicamente la redazione del quotidiano di Udine rassicurando sulle sue condizioni. "Sto bene - ha detto Pecile -. Non ho subito violenze o costrizioni. Spero di rientrare presto. Grazie per l'affetto con il quale mi state seguendo".

Fermati mentre tornavano a L'Avana
Cavo, ha spiegato Claudio Brachino, direttore di Videonews, stava tornando a L'Avana, dopo aver realizzato una parte del reportage, quando è stata fermata a Camaguey dalle autorità. Il fatto è avvenuto ieri sera e la rappresentanza diplomatica italiana è stata immediatamente avvertita.

Intervenuta l'ambasciata italana a Cuba
Prima che la situazione si sbloccasse, anche l'ambasciata italiana a Cuba aveva rassicurato. "Si è parlato di processo, in realtà è un procedimento amministrativo, non giudiziario. I giornalisti sono entrati con un visto per turismo ma stavano svolgendo attività giornalistica. La competenza è dell’ufficio di immigrazione della città di Camaguey che si trova a 600 km da l’Havana". Queste le parole del vice ambasciatore a Cuba Pietro De Martin a Tgcom24.

"La decisione spetta all’autorità migratoria. Considerando le diverse tipologie di visto, le autorità migratorie ritengono che ci debba essere una stretta correlazione tra il visto e l’attività effettivamente svolta. Si sono già verificati in passato episodi analoghi. Come ambasciata noi dal primo momento, non appena abbiamo ricevuto la notizia, ci siamo interessati subito per avere conferma della notizia, corroborata come violazione dello status migratorio".

"Hanno violato lo status migratorio"
Ai quattro cronisti italiani è stata contestata la "violazione dello status migratorio" e nei loro confronti si sta effettuando un "procedimento amministrativo più che di natura penale". Lo ha precisato il viceambasciatore d'Italia a Cuba, Pietro de Martin, intervistato da Tgcom24. "Se verrà confermata la violazione dello status migratorio la sanzione comminata sarà espulsione dal Paese e rimpatrio".

Cavicchi: "Hanno ripulito tutte le schede del girato"
"Siamo a Camaguey, un paese di 300mila abitanti nell'entroterra cubano" ha spiegato Cavicchi a Tgcom24. "Ieri mattina - ha raccontato - sei uomini ci hanno sequestrato dalla casa di Reiver Laborde Rico", il giovane 24enne ritenuto complice dagli inquirenti italiani nel duplice omicidio di Lignano. "Hanno fatto irruzione nell'appartamento - ha spiegato - e hanno ripulito le schede del girato fatto dall'operatore di Ilaria Cavo".
OkNotizie
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile