FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

#Salvinitoglianchequesti: sui social parte la sfida degli striscioni e degli sfottò al ministro

La protesta è fissata per il 18 maggio, quando il vicepremier terrà un comizio a Milano coi leader sovranisti europei. E intanto a Firenze spunta la scritta: "Portatela lunga la scala, sono al quinto piano"

#Salvinitoglianchequesti: sui social parte la sfida degli striscioni e degli sfottò al ministro

Il caso dello striscione contro Matteo Salvini rimosso dai pompieri a Brembate (Bergamo) ha dato vita a una reazione collettiva da parte di numerosi utenti del web, che hanno lanciato l'hashtag #salvinitoglianchequesti. "Il 18 maggio esponi uno striscione o un cartello e poi prepara il caffè al pompiere o l'agente che salirà a rimuoverlo": è questo l'appello che circola sui social in vista di sabato, giorno in cui il vicepremier terrà un comizio a Milano coi leader sovranisti europei.

"Prevedo molti striscioni ai balconi", ha dichiarato l'assessore alle Politiche sociali di Milano, Pierfrancesco Majorino (Pd). "E' il momento giusto perché gli striscioni siano belli e visibili. E provate a chiamarli, i poliziotti". La sfida al leader leghista è sostenuta anche da Luca Paladini, portavoce de I Sentinelli, il quale ha lanciato l'idea di "una città piena di finestre e balconi fioriti di messaggi: io farò il mio e dovranno buttar giù la porta per levarmelo".

La "chiamata alle arti" contro Salvini - La contestazione a Salvini si preannuncia però molto più vasta e articolata. Il collettivo femminista "Non una di meno" ha lanciato infatti una "chiamata alle arti" per un "Gran Gala del Futuro", un controevento all'adunata dei sovranisti. L'appello è "alle bande musicali, ai cori, ai corpi di ballo, ai giocolieri, ai circensi, alle e ai teatranti, a tutte le artiste e a tutti gli artisti di strada, di palco e di rete, di ogni genere e provenienza" con un obiettivo chiaro: "Il 18 maggio non lasceremo la città in mano a Salvini e ai suoi alleati".

"Portatela lunga la scala... sono al quinto piano" - Intanto alla finestra di un palazzo di Firenze è comparso uno striscione di contestazione al titolare del Viminale. La scritta contiene un chiaro riferimento all'episodio di Brembate: "Portatela lunga la scala... sono al quinto piano". Lo ha affisso un residente, Nicola Melloni, sotto la finestra di un edificio in zona Santa Croce.

Salvini: "Ok agli striscioni, ma non tollero minacce" - Non si è fatto attendere il commento del diretto interessato in merito alla sfida degli striscioni. "Con tutto il rispetto, preferisco occuparmi di arresti di mafiosi e spacciatori e non di rimuovere uno striscione", ha affermato Salvini al question time alla Camera, rispondendo a un'interrogazione del Pd. Il ministro ha poi ribadito "piena fiducia nelle questure e prefetture che garantiscono iniziative pubbliche. Più sono colorati e divertenti gli striscioni meglio è, ma non tollero minacce di morte, insulti e inviti alla violenza. Quelle non sono libere espressioni. Se per voi è normale che qualcuno scriva 'Salvini crepa' o 'Salvini mafia'...Evviva la libertà di espressione, evviva gli striscioni ed i fischietti".

Denunciato un 71enne per offese a Salvini - Martedì un uomo di 71 anni è stato denunciato a Carpi dalla polizia a seguito dell'esposizione di uno striscione durante il comizio del ministro dell'Interno. L'anziano è comparso sul tetto di un palazzo che si trova di fronte al palco dal quale ha parlato Salvini, e lì ha esposto il manifesto sul quale erano riportate parole offensive, prima di impugnare un megafono.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali