FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Ha ucciso i nostri figli, era ubriaco e contromano. Ora è già libero"

Dieci anni fa lʼincidente stradale : un rom alla guida di un furgone travolgeva 4 ragazzi. Oggi lʼindignazione dei genitori che a "Quinta Colonna" dicono: "La nostra vita cambiata per sempre"

Dieci anni fa, ad Appignano del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, un giovane rom alla guida di un furgone falciava quattro ragazzi, uccidendoli sul colpo. L'investitore, all'epoca 22enne, originario di Caserta, si era messo alla guida del mezzo completamente ubriaco. Il ragazzo, oggi uomo, ha pagato il proprio debito con la giustizia - una condanna a sei anni di carcere - ed è tornato libero. Ma, per i genitori e i parenti delle vittime dell'incidente (Eleonora Allevi, 19 anni, Davide Corradetti, 16 anni, Danilo Traini, 17 anni. Alex Luciani, 15 anni), la sua scarcerazione è solo fonte di ulteriore dolore. Per questo hanno scelto di intervenire a "Quinta Colonna" così da manifestare pubblicamente il proprio sdegno: "Le nostre vite sono cambiate per sempre" dice il papà di uno dei ragazzi, con la voce rotta dal pianto. "I miei figli avevano 15 e 16 anni, stavano andando a prendere un gelato. Non posso perdonarlo". "Ho visto la foto dell'investitore su un social - gli fa eco un altro parente delle giovani vittime - Oggi vive a Milano. Aveva davanti a sé una bottiglia di whisky".