FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cultum Change, l'inclusione sociale in agricoltura 

Un programma di formazione che si rivolge alle aziende che necessitano di manodopera e finalizzato all'inserimento dei rifugiati

Durante l'emergenza Covid, l'agricoltura ha svolto un ruolo fondamentale per la tenuta dell'Italia. Il settore, però, ha dovuto fare i conti con la mancanza di manodopera. In questo contesto è nato e si è sviluppato "Cultum Change",  un programma di formazione finalizzato all'inclusione sociale e all'inserimento lavorativo dei rifugiati in ambito agricolo.

L'iniziativa, realizzata da Reale Foundation insieme a Confagricoltura e a Onlus Senior Età della Saggezza, con ENAPRA, FAI-Federazione Apicoltori Italiani, Rete Fattorie Sociali, l'Università di Roma Tor Vergata, e in collaborazione con l'UNHCR, si rivolge a due tipologie di soggetti beneficiari: le aziende agricole e i piccoli produttori italiani, che hanno bisogno di manodopera specializzata in breve tempo, e i rifugiati o titolari di protezione internazionale, in quanto particolarmente svantaggiati e fragili rispetto all'accesso al mondo del lavoro.

 

L'idea parte a cavallo dell'esplosione della pandemia sulla scia dell'esperienza di "Agrijob", un servizio messo a disposizione da Confagricoltura che offre un'attività di intermediazione tra domanda e offerta di lavoro, racconta Francesco Postorino, direttore generale di Confagricoltura. "Il progetto Cultum Change è finalizzato non solo alla produzione agricola ma anche alla responsabilità sociale", chiarisce Postorino: "da un lato ci sono le imprese che accolgono i rifugiati che hanno bisogno di essere formate con tutoraggio e mediazione culturale; dall'altro ci sono le Onlus coinvolte nel programma che stanno lavorando con le strutture di accoglienza per organizzare la fase formativa dei futuri lavoratori. Ci troviamo davanti a persone che quasi mai hanno avuto relazioni con il mondo agricolo, quindi è necessario fornire elementi necessari per un migliore inserimento". 

 

L'obiettivo del progetto, spiega il direttore di Confagricoltura, è "aumentare l'incidenza dell'occupazione delle categorie vulnerabili e allo stesso tempo fornire alle aziende manodopera formata". Coniugare dunque "l'accoglienza con la produzione agricola, rendere interattive le capacità di queste persone - spesso di livello culturale alto ma prive di certificazioni - con i fabbisogni delle aziende". Postorino sottolinea anche che "mentre per le aziende zootecniche si parla di impieghi annuali, le coltivazioni ortofrutticole richiedono perlopiù impieghi stagionali". Seppur per brevi periodi, è sottinteso quindi che "l'inserimento dei lavoratori richieda anche interventi volti ad assicurare una casa e delle condizioni favorevoli ai rifugiati". 

 

I candidati e le aziende interessate ad entrare nella rete di Cultum Change dovranno compilare un apposito modulo dove, oltre ai dati, verranno indicate le disponibilità e le competenze lavorative, così da agevolare l'incontro tra il rifugiato e l'azienda. Oggi più che mai il lavoro e la manodopera sono essenziali per l'impresa agricola, dal momento che l'agricoltura sta assumendo nuovamente un ruolo trainante per l'economia. Con progetti di questo tipo i campi diventano anche un ammortizzatore sociale che permette a categorie svantaggiate di trovare impiego ed una propria realizzazione.

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali