FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Svizzera: tante buone ragioni per scoprire il Vallese

Nella regione elvetica ben 45 montagne oltre i 4mila e duemila chilometri di piste

Un autentico paradiso invernale, sospeso tra la terra e il cielo. I più alti comprensori sciistici della Svizzera, con oltre 2000 chilometri di piste e neve sicura. Questi tra gli altri i motivi per scegliere il Vallese come destinazione delle vacanze invernali.

Tante buone ragioni per scoprire il Vallese

Aria purissima, neve immacolata: la media delle ore di sole, eccezionale per una regione alpina, va di pari passo con un clima fuori del comune, in una regione che possiede ben 45 vette oltre i 4mila metri.

I comprensori sciistici più alti della Svizzera - La sua posizione peculiare fa del Vallese la regione svizzera più innevata. Qui si trovano i comprensori sciistici più elevati del Paese (fino a 3800 metri). E se la maggioranza delle stazioni apre i battenti da metà novembre, una parte degli impianti di Saas-Fee e Zermatt funziona tutto l’anno per la gioia delle squadre nazionali di sci che vengono ad allenarsi. Qualunque sia la destinazione prescelta, in Vallese ognuno potrà vivere esperienze uniche e ineguagliabili fino alla metà di aprile.

Duemila chilometri di piste - Il Vallese attende tutti gli appassionati con oltre 2000 chilometri di piste, suddivise in trentasei comprensori sciistici. Chi in montagna si sente a casa sua, ha voglia di evadere dalla quotidianità e di affrontare le sfide della natura qui sarà il benvenuto. Ma potranno divertirsi sulla neve anche i fan dello sciescursionismo o delle gite con le ciaspole, gli amanti dello sci di fondo o dello slittino. Poiché numerosi comprensori sono aperti la sera, gli sciescursionisti possono allenarsi in tutta sicurezza anche durante la settimana.

Otto prodotti DOP/IGP - Otto prodotti vallesani sono nella lista dei prodotti svizzeri DOP (AOP) e IGP. Grazie all’attaccamento alla natura dei produttori locali, le specialità vallesane rappresentano un quarto di quelle autorizzate a fregiarsi dei marchi DOP o IGP. Ecco gli otto prodotti certificati: raclette del Vallese AOP, carne secca del Vallese IGP, prosciutto crudo del Vallese IGP e lardo essiccato del Vallese IGP, pane di segale vallesano AOP, zafferano di Mund AOP, liquore Abricotine AOP, distillato di pere del Vallese AOP. Nell’edizione del 2017, la guida Gault&Millau recensisce 72 ristoranti vallesani con almeno 12 punti ciascuno, per un totale di 996 punti. Inoltre, undici ristoranti sono stati insigniti delle preziose stelle della Guida Michelin. Didier de Courten a Sierre e Ivo Adam a Zermatt incarnano la creatività della cucina regionale, ciascuno con due stelle con due stelle all’attivo.

Cinquanta vitigni, coltivati tra i 400 e i 1100 metri - Il Vallese è contraddistinto da una grande varietà di terreni, esposizione, microclimi e regioni. Con i suoi 5’300 ettari di vigneti, non costituisce soltanto il più grande cantone vitivinicolo della Svizzera, ma anche quello che offre la più ricca varietà di vitigni. Una cinquantina di vini vallesani DOC aspettano solo di essere degustati. Tra loro, autentiche rarità locali come l’Arvine, il Cornalin o l’Humagne rouge. Per non parlare, poi, di Fendant, Heida, Syrah e dei deliziosi assemblaggi a base di Petite Arvine, Pinot nero o Gamaret.

Tradizioni vive e vivaci - In Vallese, numerosi villaggi e vallate coltivano tuttora tradizioni e costumi secolari. Durante il Carnevale, come in tutto l’arco alpino, giovani mascherati da creature selvagge, avvolte da costumi di paglia e con maschere di legno decorate, imperversano per le strade nel tentativo di scacciare l’inverno o gli spiriti maligni. Costumi e maschere paurose sono il frutto di un appassionato e lungo lavoro artigianale, effettuato in casa. Una volta ultimate, le creazioni vengono presentate in occasione di spettacoli davvero impressionati.

Sito Unesco e terme - Nel 2001 la regione Alpi Svizzere Jungfrau-Aletsch, in virtù della sua straordinaria bellezza, è stato il primo Patrimonio UNESCO delle Alpi. Al centro di questo sito eccezionale si trovano i celebri Eiger, Mönch e Jungfrau, che svettano sopra un altro fenomeno naturale formidabile, il grande ghiacciaio dell’Aletsch. Ma il Vallese è celebre anche per le sue stazioni termali. Famose dall’antichità per le loro virtù curative le terme di Breiten, Brigerbad, Leukerbad, Saillon, Ovronnaz e Val-d’Illiez.

Maggiori informazioni: www.valais.ch

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali