FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Dalla liquirizia ai confetti: musei da mangiare

Son sparsi in tutta Italia e sono spesso la testimonianza di un sopraffino stile di vita che risale ai romani

Il tour enogastronomico è ormai un must del turismo internazionale, di cui l'Italia è senz'altro una delle mete più appetibili - è il caso di dirlo - di qualsiasi global gourmet. E può essere ancora più interessante quando dalla tavola di un ristorante o di una trattoria, l'argomento cibo si sposta nelle severe sale di un museo. Ecco alcuni esempi, dalla Lombardia alla Calabria, di un'arte culinaria in cui la nostra Penisola è maestra.

Dalla liquirizia ai confetti: musei da mangiare

Museo del Pane a Sant’Angelo Lodigiano (LO) - Il pane ha un museo interamente dedicato nel caratteristico borgo di Sant’Angelo Lodigiano. Inaugurato nel 1983, è ospitato nel Castello Morando Bolognini. Articolato in cinque sezioni, dà modo ai visitatori di conoscere le materie prime, le articolate fasi di lavorazione e l’interessante storia di questo antichissimo alimento. Nella terza sala, la più rappresentativa, sono raccolti più di 500 tipi diversi di pani provenienti da tutt’Italia e dall’estero.

Museo Agorà Orsi Coppini di San Secondo Parmense (PR) - Più che un museo, un centro culturale dell'olio e dell'olivo, creato per diffondere la conoscenza di un prodotto che scandisce la storia del Mediterraneo, dalla mitologia fino ai giorni nostri. Questo è il Museo Agorà Orsi Coppini di San Secondo Parmense, che comprende il Museo dell’Arte Olearia e l’Agorà tra gli ulivi. Nato nel lontano 1946 grazie alla passione di Anita e Americo Coppini, passione che continua a vivere ancora oggi, dopo tre generazioni, nel cuore della famiglia Coppini. Il Museo si articola in tre zone denominate: Spazio Anita, Spazio Americo e Angolo di lettura. La prima è dedicata alla storia dell’olio e ai sistemi di produzione meccanici, come il torchio o la pressa a leva. Nella seconda si trovano gli strumenti di produzione idraulici. Nella terza ed ultima si può ammirare un frantoio in pietra a due macelli (pietre molari). Infine, unico nel suo genere è l’Agorà tra gli ulivi, un teatro all’aperto immerso in un parco naturale, dove si possono tenere concerti e spettacoli vari.

Museo dell’Olivo Carlo Carli a Imperia - La sede del Museo dell’Olivo Carlo Carli si trova a Imperia, in un caratteristico palazzo liberty costruito negli anni ’30 dall’architetto Rodolfo Winter. Le 18 sale del museo raccolgono ben 8.000 oggetti legati al mondo olio, come ampolle, oliere, lucerne e tanto altro ancora. L’oggetto più prezioso dell’intera collezione è un piccolo vaso di terracotta per oli e unguenti risalente al periodo tra il 550 e il 525 a.C. Altro elemento di grande interesse è una lucerna in ceramica a doppio beccuccio (databile tra il 200 e il 100 a.C.), che serviva per illuminare strade e abitazioni. Non potevano mancare precise ricostruzioni di vari tipi di frantoi o la stiva di una nave romana per il trasporto dell’olio via mare. Questa straordinaria esposizione sull’olio, unica in Italia, attira ogni anno migliaia di curiosi.

Museo della pasticceria a Costabissara (VI) – Unico nel suo genere, è un vero e proprio piccolo Eden per chi ama gustare e preparare i dolci: il Loison Museum di Costabissara, nel Vicentino, è un golosissimo museo che porta alla scoperta, con un piacevole e curioso un percorso plurisensoriale, dell’antica tradizione pasticcera. A crearlo è stato l’imprenditore – pasticcere Dario Loison, che in anni e anni di ricerche in tutto il mondo ha collezionato centinaia di oggetti, pubblicazioni, documenti relativi all’arte bianca e alla pasta lievitata e ha poi deciso di esporli, per condividere il suo amore per la pasticceria con tutti gli appassionati. Al museo è possibile ammirare macchinari ancora funzionanti come impastatrici, sfogliatrici, sbattitori meccanici e altro, che raccolgono la memoria dello sviluppo tecnologico ed industriale e dell’abilità degli artigiani dei singoli periodi storici. Accanto al Museo si trova la Biblioteca del Gusto, che comprende un patrimonio di oltre 2000 volumi antichi e moderni. Le acquisizioni sono il frutto di anni di ricerche e di donazioni che hanno permesso di custodire i più importanti testi specializzati in materia di arte bianca e dei dolci.

Gelato Museum Carpigiani ad Anzola Emilia (BO) - Il Gelato Museum Carpigiani è l’unico museo al mondo dedicato al gelato artigianale e si trova ad Anzola Emilia, a pochi chilometri da Bologna, in una terra ricca di storia e tradizioni culinarie. La visita si articola in tre sezioni tematiche dedicate rispettivamente all’evoluzione del gelato, alla storia della sua produzione e ai luoghi e modi con cui viene consumato. Il coinvolgente percorso interattivo permette di conoscere la storia e le tecniche di produzione di questo golosissimo dolce famoso in tutto il mondo. Oltre alla visita, vengono organizzate molteplici iniziative come golosi laboratori.

Museo del Castagno a Colognora (LU) – Il Museo del Castagno nell’antico borgo medievale di Colognora non è solo un’esposizione di antichi cimeli e macchinari, ma racchiude in sé la storia di questa località. Per secoli, le selve di castagno sono state alla base dell’economia e della vita di questa zona della Toscana, grazie ad esse si mangiava e si costruivano capanne, tetti e solai. All’interno degli ambienti museali sono esposti tutti i macchinari necessari per la raccolta, la macinazione e la lavorazione delle castagne.

Museo dell’Arte e della Tecnologia Confettiera a Sulmona (AQ) - All’interno di un famoso stabilimento produttivo è stato allestito il Museo dell’Arte e della Tecnologia Confettiera che raccoglie macchinari, antichi cimeli e rari oggetti sull’arte confettiera, tipica di questa zona. Come attestano alcuni documenti la produzione di questi dolci è presente a Sulmona già nel XV secolo. Nella mostra è ricostruito anche un laboratorio settecentesco con tutti gli strumenti utilizzati per la produzione di questi dolcetti come una tostatrice, una filettatrice, vasi per ingredienti, mortai e tanto altro ancora.

Museo del Cioccolato a Norma (LT) - Il percorso del cioccolato dall’America Latina, sua terra d’origine, sino all’Europa è un coinvolgente e interessante viaggio. In origine, il cioccolato era considerato dall’antica civiltà dei Maya “Il cibo degli Dei” ed è stato Cristoforo Colombo a portare, per primo, dei semi nel Vecchio Continente. Soltanto alla fine dell’800, però, il cioccolato è diventato un prodotto per tutti e non riservato solo a pochi. Tutte queste notizie e molte altre curiosità si possono trovare nel Museo del Cioccolato di Norma, dove si possono trovare antiche stampe, vecchie confezioni, bilance e cioccolatiere provenienti da tutta Europa.

Museo del Peperoncino a Maierà (CS) - Nel caratteristico centro storico di Maierà si trova il Museo del Peperoncino, allestito nel Palazzo Patrizio, che permette di conoscere la millenaria storia di questa pianta originaria dell’America centrale e meridionale. Non manca uno spazio dove poter acquistare piccanti prodotti, da gustare o da regalare. Infine, a poca distanza da Maierà, si trova Diamante sede del Festival del Peperoncino, che si tiene nel mese di settembre ed ogni anno attira migliaia golosi.

Il Museo della liquirizia a Rossano Calabro (CS) – Il microclima di questo angolo di Calabria ha fatto sì che vi si produca la migliore liquirizia del mondo: lo ha riconosciuto persino l’Enciclopedia britannica. Solo qui poteva sorgere il museo che ne racconta storia e produzione. Si trova in una residenza quattrocentesca di proprietà della famiglia Amarelli, l’unica in Calabria che ancora oggi prosegue l’attività di produzione, e che già nel 1500 commercializzava le radici di questa pianta. Nel museo, foto d’epoca, incisioni, documenti, abiti, oggetti di vita quotidiana riportano il visitatore a quando Rossano faceva parte del Regno di Napoli. Ancora: attrezzi agricoli e tutto ciò che serviva per lavorare la campagna, giornali, libri contabili, registri paga, documenti che testimoniano le prime esportazioni all’estero, forme di porcellana e stampi in bronzo, lettere di fornitori e clienti e persino la corrispondenza con le autorità dell’epoca.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali