FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Donnavventura, nuova spedizione: il via dagli Emirati Arabi Uniti

Tra dune altissime e location da mille e una notte

La spedizione di quest’anno è un vero e proprio giro del mondo, si parte da Milano e si atterra ad Abu Dhabi, il più esteso dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti. La prima tappa catapulta Donnavventura nel suo ambiente naturale, il deserto, perché è fra le dune di sabbia che è nata molti anni fa, battezzata non dall’acqua ma dal sole cocente. Siamo nel deserto di Rubʿ al-Khālī, con le sue spettacolari dune che superano i 300 metri di altezza.

Da qui si raggiunge il cuore della città di Abu Dhabi e il primo campo base è letteralmente da capogiro, si stratta dell’Emirates Palace, un sette stelle talmente maestoso da essere spesso scambiato con il palazzo presidenziale: imponente nelle dimensioni è una celebrazione della bellezza della cultura araba. In una delle sue suite più eleganti e ambite il team gusta uno sfizioso cappuccino fatto con latte di cammello. Si torna nel deserto, nella zona di Al Ain, al confine con l’Oman, famosa per i mercati di cammelli e le coltivazioni di datteri e poi nuovo campo base a Maryah Island, un’isola nel moderno quartiere commerciale di Abu Dhabi.

Di questo viaggio un po’ anomalo non mancherà un’accurata rassegna gastronomica che si apre con Zuma, esclusivo e ricercato ristorante giapponese, presente nelle città più importanti del mondo. Abu Dhabi è anche tradizione e lungo il Creek la squadra naviga in compagnia dei cercatori di perle che raccontano i segreti di questa attività antica. La tappa successiva è la Grande Moschea dello sceicco Zayed, capolavoro architettonico realizzato su un progetto di ispirazione marocchina, che ha visto la sua nascita intorno ai primi anni ’90, opera tra le più pregevoli e di spicco della capitale emiratina. La sala di preghiera principale è dominata da uno dei più grandi lampadari a braccio esistenti e vanta anche il tappeto persiano più grande del mondo, che si estende per 5.700 metri quadrati di superficie, occupando l’intera pavimentazione della sala. Un nuovo strabiliante campo base attende il team di Donnavventura che soggiorna nella suite più alta del mondo tra le suite sospese, posta al 48° piano dell’hotel St. Regis: la sua particolarità è quella di poter avere una vista su Abu Dhabi a 360 gradi.

Da qui si raggiunge in elicottero l’isola di Sir Ban Yas dove si trova una riserva naturale voluta dall’emiro Zayed Bin Sultan Al Nahyan, che fu fondatore e presidente degli Emirati Arabi Uniti. Fu aperta per la prima volta al pubblico nel 1990 e successivamente fu creato l’Arabian Wildlife Park, dedicato all’allevamento e alla riabilitazione di animali indigeni della Penisola Araba. Ci si muove tra orici d’Arabia, gazzelle della sabbia, gazzelle di montagna, antilopi e ci sono persino alcune giraffe che fanno capolino dalle fronde degli alberi, donate allo sceicco Zayed da un presidente africano. Qui si può fare un vero e proprio safari fotografico, spettacolare tanto quanto i più classici safari africani. Il team vola a Nurai Island, l’isola della luce e poi, recuperata la carovana nella capitale, si dirige verso deserto di Liwa per assistere agli allenamenti dei cammelli per la Camel Race. Negli emirati si svolgono importanti e seguitissime gara di velocità, ma anche concorsi di bellezza nei quali competono cammelli provenienti anche dai Paesi limitrofi.

Ultima tappa di questa seconda puntata è Yas Island dove si trova il circuito di Formula 1 degli Emirati Arabi. Venne costruito e inaugurato nel 2009, insieme al lussuoso Viceroy hotel che fa parte del medesimo complesso. La struttura ha una grande rilevanza stilistica ed ingegneristica, si tratta di una sinuosa distesa curvilinea di acciaio e pannelli diamantiforme chiamata Grid-shell, ovvero questa “gabbia-conchiglia”, poiché ha le sembianze di un velo adagiato morbidamente sulle due torri dell’hotel e il ponte di collegamento che sovrasta il circuito. Qui le donnavventura vivono l’emozione di girare in pista a velocità da gran premio! Sull’isola si trova anche il ristorante Cipriani, uno degli emblemi dell’eccellenza italiana nel mondo che nei suoi piatti racchiude tutta la meraviglia del nostro Paese, con i suoi profumi, colori e creatività. Il parco acquatico Yas Waterworld, con le sue attrazioni adrenaliniche e divertenti chiude la puntata. L’appuntamento con la seconda puntata del Mondo Di Donnavventura è per domenica 22 gennaio alle 14.00, su Rete4.

Donnavventura, la nuova spedizione entra nel vivo

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali